ricerca

Svimez, Bianchi: «Mezzogiorno in recessione dopo la lenta ripresa»

di Vera Viola


default onloading pic
(IMAGOECONOMICA)

2' di lettura

«Il Mezzogiorno è in recessione», non ha dubbi Luca Bianchi, direttore della Svimez, e lo dice nel corso della presentazione dello studio «La solitudine dei numeri primi», nel corso del Workshop «Conoscere per competere», promosso dalla Fondazione nazionale dei Cavalieri del Lavoro, che si è svolto a Matera. «Se per l’Italia nel suo insieme le previsioni per il 2019 oscillano tra l’1% e lo zero, per il Sud non c’è da farsi illusioni».

Dalla crescita lenta alla frenata
Per Svimez nel triennio 2014-2017 il Paese ha agganciato una “ripresa lenta”, ma nella stagione dell’incertezza è in atto una “grande frenata”. In linea il Mezzogiorno, che tra il 2015 e il 2017 aveva toccato tassi di crescita pari a quelli del Centro Nord (risultato positivo e non scontato), ma che oggi resta dieci punti indietro rispetto al 2008. Nella ripresa è però emersa una divaricazione tra settore privato e settore pubblico. Che ora si va accentuando.

Il calo degli investimenti pubblici
La spesa in investimenti per opere pubbliche è calata molto più al Sud dal 2000 a oggi. La spesa in conto capitale della pubblica amministrazione, seconde le stime della Svimez, è passata dai 15,2 miliardi del 2015 ai 10,6 del 2017. Si pensi che nel 2000 era di 22,2 miliardi. A ciò si aggiungono i tempi lunghi nella realizzazione delle opere (in media 4,5 anni ma crescere con il valore dei progetti) e un minore tasso di efficienza della pubblica amministrazione.

Positiva la dinamica degli investimenti privati
Per la Svimez è rimasto attivo un tessuto di imprese industriali, che hanno utilizzato gli strumenti di incentivazione: legge Sabatini, Credito di imposta Sud, Industria 4.0 e contratti di sviluppo. Tra marzo 2017 e gennaio 2018 sono state presentate 14mila istanze per il credito d’imposta Sud per 4 miliardi circa di investimenti e 1,5 miliardi di sostegni. Nel Mezzogiorno in totale nel 2017 gli investimenti in macchine, attrezzature, mezzi di trasporto, sono cresciuti del 7% rispetto all’anno precedente.

Formazione e capitale umano
La disuguaglianza economica e sociale, secondo Svimez, si riflette sulla scuola. In media 600mila giovani in Italia dopo la licenza media escono dal sistema di istruzione e formazione professionale. Di questi la metà dei giovani (300mila) sono meridionali. Nelle stesse regioni del Sud il tasso di abbandono scolastico è ancora oggi pari al 18,5%, contro il tasso del 14% del Centro Nord. Ancora alto rispetto al 10,6% della media Ue a 27. Tra i giovani del Sud poi è molto alta e pari a un quarto circa la quota di coloro che si iscrivono in Università del Centro Nord. L’emigrazione studentesca causa una perdita di consumi pubblici e privati di circa 3 miliardi di euro, con impatto sul Pil di 4 decimi di punto.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...