ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùFarmaco sviluppato da Gsk

Svolta nella lotta alla malaria: sì dell’Oms all’uso di massa del vaccino per i bambini in Africa

Il vaccino previene in 4 casi su 10 una malattia che miete ogni anno oltre 400mila vittime, in quasi 7 casi su 10 sotto ai 5 anni di età

di Alberto Magnani

(Ap)

2' di lettura

L’Organizzazione mondiale della sanità ha raccomandato un uso «diffuso» nei bambini dell’Africa subsahariana e di altre regioni a rischio dell’unico vaccino anti-malaria approvato finora:l’RTS,S/AS01, noto anche come «Mosquirix», sviluppato dall’azienda britannica GlaxoSmithKline nel 1987.

La decisione dell’Oms si basa sui risultati di una ricerca a tuttora in corso fra Ghana, Kenya e Malawi su un campione di 800mila bambini. il direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha parlato di un «momento storico» e di una «svolta» per la scienza. Il direttore regionale per l’Africa dell’Oms, Matshidiso Moeti, ha detto che si tratta di uno «spiraglio di speranza per il Continente, che regge sulle sue spalle il peso maggiore della malattia». L’Africa registrava ancora nel 2019, secondo gli ultimi dati disponibili dall’Oms, il 94% di tutti i casi e le vittime di malaria, pari rispettivamente a 229 milioni e 409mila unità su scala globale.

Loading...

Perché può salvare centinaia di migliaia di vite

La malaria è una forma di malattia febbrile acuta che si presenta con sintomi come febbre, mal di testa e brividi. Viene trasmessa dalle punture di zanzare anofele e può portare anche al decesso in 24 ore se non viene trattata in maniera adeguata. Il gruppo più vulnerabile alla malattia sono i bambini sotto i 5 anni di età, con un’incidenza 67% su tutti i decessi registrati dall’Oms nel 2019: l’equivalente di una strage di 274mila nell’arco di un appena anno. Fra le altre categorie fragili ci sono le donne incinta e le persone sieropositive.

Il Mosquirix agisce contro P. falciparum, uno dei parassiti più letali fra i cinque che causano la malaria. Il vaccino non offre livelli di protezione elevatissimi, se si considera che il tasso di efficacia si aggira sul 30%, richiede quattro dosi e previene “solo” 4 casi di malaria su 10 in un periodo di quattro anni. Ma può comunque diventare un’arma decisiva. «È un vaccino imperfetto, ma può comunque salvare centinaia di migliaia di vittime» ha dichiarato all’agenzia di stampa Associated Press Julian Rayner, direttore del Cambridge Institute for Medical Research.

«Diamo il benvenuto a questo nuovo strumento contro la malaria» dice Peter Sands, direttore del Fondo Globale, in un commento sull’annuncio dell’Oms condiviso con il Sole 24 Ore. «Il vaccino RTSMS è stato il più efficace fra quelli che abbiamo usato insieme agli altri strumenti di prevenzione - prosegue - Saranno necessarie risorse aggiuntive di peso per permettere un uso ampio del vaccino insieme ad altre innnovazioni, come parte di una risposta sostenuta e comprensiva nei paesi che ne hanno più bisogno».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti