ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùgovernance

Swatch, valzer di nomine ai vertici dei brand del gruppo

Con una mossa irrituale introdotti in un sol colpo cambiamenti nella direzione generale e ai vertici di ben sei dei suoi diciotto marchi

di Lino Terlizzi

default onloading pic
(REUTERS)

Con una mossa irrituale introdotti in un sol colpo cambiamenti nella direzione generale e ai vertici di ben sei dei suoi diciotto marchi


2' di lettura


La Borsa di Zurigo ha preso bene il sorprendente valzer di nomine di Swatch Group, che con una mossa non usuale ha introdotto d'un sol colpo cambiamenti nella direzione generale del gruppo e ai vertici di ben sei dei suoi diciotto marchi. I titoli del gruppo orologiero elvetico sono andati al rialzo nell'ultima seduta della settimana, il giorno successivo all'annuncio di questi cambiamenti a livello di management, che si concretizzeranno nei prossimi giorni, per l'esattezza dal primo luglio. Questi i marchi del gruppo che registrano cambiamenti: Rado, Longines, Tissot, Hamilton, Certina, Union.

La svolta

Nick Hayek, chief executive officer e azionista, figlio del fondatore di Swatch Group, ha dato così a sorpresa un deciso colpo di acceleratore nella gestione, con un passo inedito che ha coinvolto la direzione del gruppo e un terzo dei marchi e che è basato solo su spostamenti interni di manager, senza ingressi dall'esterno. Anzitutto Raynald Aeschlimann, che è presidente e ceo di Omega, uno dei marchi principali del gruppo, sale ora un altro gradino e passa dalla direzione allargata alla direzione generale di Swatch Group.

I marchi

Poi, c'è il giro di danza aziendale tra i vari marchi. Matthias Breschan lascia il timone di Rado e diventa ceo di Longines, dove un manager di lungo corso come Walter von Känel lascia l'operatività, assume la presidenza onoraria del marchio e mantiene la presidenza della Fondazione Longines.

Alla guida di Rado va Adrian Bosshard, che lascia il timone di Certina a Marc Aellen e quello di Union a Franz Linder, che aggiunge la carica di ceo di questa all'analoga che già ha in Mido.
Inoltre, un altro manager di lungo corso dell'industria orologiera svizzera, Francois Thiébaud, lascia la carica di ceo di Tissot e assume la presidenza del cda di quest'ultima; Sylvain Dolla sarà ceo di Tissot e lascerà la guida del marchio Hamilton a Vivian Stauffer.

L’impatto del Coronavirus

Swatch Group è tra i leader del polo orologiero elvetico è affronta ora come gli altri attori del settore la sfida della ripresa delle attività economiche dopo le riduzioni o i blocchi dovuti al coronavirus. In aprile e maggio la caduta delle esportazioni di orologi svizzeri inevitabilmente è stata pesante, ora le imprese del settore guardano naturalmente ad una possibile ripresa nella seconda metà dell'anno. Secondo una parte degli analisti del settore Swatch Group preparava da qualche tempo un rimpasto tutto interno, che è pero giunto appunto in dimensioni inattese. Sarà con questo nuovo assetto manageriale che il gruppo guidato da Nick Hayek affronterà la prossima fase, a cominciare dalla ripresa posto virus.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti