Lotta alla dispersione

Taglio alle classi pollaio per recuperare il divario negli apprendimenti

Nel Ddl di Bilancio la deroga ai tetti minimi e massimi di alunni: si parte dalle aree disagiate che, anche secondo l’Invalsi, scontano i ritardi maggiori

di Eugenio Bruno e Claudio Tucci

(pololia - stock.adobe.com)

3' di lettura

Classi meno affollate per recuperare prima il gap negli appredimenti accumulato in un anno e mezzo di didattica a distanza. Partendo dalle aree disagiate che, come dimostrano le ultime rilevazioni dell’Invalsi, stanno accumulando i ritardi maggiori. È la strategia più volte annunciata dal ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, che vede un primo step, sotto forma di deroga ai parametri per la formazione delle classi, gia in manovra. In attesa della riorganizzazione del sistema scolastico annunciata...

Brand connect

Loading...

Newsletter Scuola+

La newsletter premium dedicata al mondo della scuola con approfondimenti normativi, analisi e guide operative

Abbonati