via libera della cassazione

Taglio parlamentari, ipotesi referendum il 22 o 29 marzo per «blindare» il governo

A quel punto bisognerebbe attendere due mesi per il ridisegno dei collegi e si scavallerebbe l’estate, impattando sulla sessione di bilancio

di Emilia Patta


Stop a legge taglio parlamentari, raccolte firme per referendum

3' di lettura

L’Ufficio centrale per il referendum della Corte di Cassazione, con ordinanza depositata oggi, 23 gennaio, «ha dichiarato che la richiesta di referendum sul testo di legge costituzionale recante “modifica degli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari”, sorretta dalla firma di 71 senatori, è conforme all’articolo 138 della Costituzione ed ha accertato la legittimità del quesito referendario dalla stessa proposto». Via libera dunque al referendum confermativo - per il quale, ricordiamo, non è previsto il quorum - per far esprimere i cittadini sulla riforma costituzionale, “bandiera” del M5s, che taglia di netto il numero dei parlamentari: da 630 a 400 alla Camera e da 315 a 200 al Senato.

VIDEO: Stop a legge taglio parlamentari, raccolte firme per referendum

60 giorni per decidere la data del voto
Per quanto riguarda la data del referendum, la convocazione spetta al Presidente della Repubblica con un suo decreto «su deliberazione del Consiglio dei ministri» che verrà appositamente convocato entro 60 giorni a partire da oggi, giorno in cui è stata depositata l’ordinanza della Cassazione che ha dato il via libera all'iniziativa. Entro due mesi, dunque, Palazzo Chigi deve decidere in quale data convocare le urne, decisione che deve essere presa in un periodo compreso tra il 50esimo e il 70esimo giorno successivo allo svolgimento del Consiglio dei ministri. Quindi si potrebbe votare tra gli ultimi giorni di marzo e giugno.

Con il voto a marzo governo «blindato»
La parola spetta ora al governo. Che a questo punto ha tutta l’intenzione e l’interesse ad indire la data del voto popolare il prima possibile. Dal momento che è facile prevedere la vittoria dei sì, prima entra in vigore la riforma prima si chiude la possibile finestra per tornare a votare in anticipo rieleggendo quasi mille parlamentari invece di 600 e rimandando di fatto il temuto “taglio” alla legislatura successiva. A maggior ragione se le elezioni regionali di domenica in Emilia Romagna dovessero andare male per il candidato democratico Stefano Bonaccini.

Le possibili date per arrivare almeno al 2021
Un voto ravvicinato per la conferma della riforma costituzionale blinderebbe di fatto il governo per molti mesi. Ipotizziamo un Cdm giovedì prossimo, 30 gennaio, che fissi la data del referendum a fine marzo (22 o 29). A quel punto occorrerebbe, anche volendo tornare alle urne, attendere due mesi per il ridisegno dei collegi dell’attuale Rosatellum (il 37% circa) in conseguenza del diminuito numero dei parlamentari: non si farebbe in tempo a svolgere le elezioni politiche a giugno, insieme alle amministrative, e scavallare l’estate significherebbe impattare con la sessione di bilancio. Legislatura blindata per almeno un anno, insomma.

Il deposito delle firme in extremis
Le firme dei 71 senatori erano state depositate lo scorso 10 gennaio, in extremis rispetto alla scadenza del 12 prevista dalla legge. Tra clamorose defezioni, adesioni dell'ultima ora e conseguenti polemiche politiche, alla fine il comitato promotore del referendum era riuscito ad ottenere il suo obiettivo: gli azzurri Andrea Cangini, Nazario Pagano e il dem Tommaso Nannicini hanno depositato il 10 gennaio alla Corte di Cassazione le 71 firme dei senatori sostenitori del quesito, sette oltre il minimo necessario (un quinto dei membri di una Camera) come previsto dalla Costituzione.

Sostegno da esponenti di tutti i gruppi eccetto FdI
La richiesta è appoggiata da esponenti di tutti i gruppi presenti a Palazzo Madama, con la sola eccezione di quello di Fratelli d'Italia. Tra i 71 sostenitori c’è un solo rappresentante dei Cinque Stelle, Gianni Marilotti, uno di Liberi e Uguali, Francesco La Forgia, sei della Lega - la cui firma è arrivata a sorpresa all’ultimo momento - e il senatore a vita, premio Nobel per la fisica, Carlo Rubbia.

Per approfondire:
Taglio dei parlamentari è legge: sì definitivo della Camera. Gli eletti passeranno da 945 a 600
ANALISI di Roberto D’alimonte: Taglio parlamentari, scelta la via più facile ma meno efficace

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...