ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùL’annuncio

Taiwan e Usa avvieranno negoziati per accordo commerciale. La Cina: «Ferma opposizione»

Obiettivo: attrarre più investimenti Usa ed esteri e aprire la strada all’ingresso di Taiwan in organizzazioni commerciali

Putin contro gli Usa: a Taiwan provocazione pianificata

2' di lettura

Gli Stati Uniti e Taiwan hanno annunciato che inizieranno ufficialmente i negoziati per un accordo commerciale. Entrambe le parti hanno concordato un’ampia serie di obiettivi tesi ad «approfondire le nostre relazioni commerciali e investimenti, far avanzare le reciproche priorità commerciali sulla base dei valori condivisi e promuovere innovazione ed una crescita economica inclusiva per i nostri lavoratori e aziende», ha dichiarato la vice rappresentante per il commercio Usa, Sarah Bianchi.

L’ufficio per i negoziati commerciali di Taiwan ha reso noto che i negoziati sono tesi ad attrarre più investimenti Usa ed esteri ed aprire la strada all’ingresso di Taiwan in organizzazioni commerciali internazionali come il Cptpp, guidata dal Giappone. Nei negoziati non saranno discussi i dazi, hanno aggiunto da Taipei.

Loading...

La Cina si oppone con forza ai colloqui commerciali tra Stati Uniti e Taiwan, assicurando che adotterà «tutte le misure necessarie per salvaguardare con decisione sovranità, sicurezza e interessi di sviluppo». È il commento espresso dalla portavoce del ministero del Commercio Shu Jueting, nel corso del briefing settimanale, in vista di un accordo nell’ambito dell”’Iniziativa Usa-Taiwan sul commercio del XXI Secolo” annunciata a giugno.

Taiwan: manovre notturne, schierati i jet avanzati F-16V

Intanto, Taiwan ha mobilitato i suoi nuovi jet da combattimento più avanzati, gli F-16V, in una prova di forza effettuata con un ciclo di esercitazioni notturne dopo le maxi manovre della Cina intorno all’isola in risposta alla visita a Taipei della speaker della Camera americana, Nancy Pelosi.

Il ministero della Difesa ha riferito che le operazioni puntavano a simulare un assetto strategico contro un’invasione della Cina, mentre gli F-16V schierati erano dotati di missili anti-nave Harpoon di fabbricazione Usa per testare la «prontezza al combattimento».

Le manovre hanno coinvolto una base aerea nella contea orientale di Hualien, in una rara dimostrazione notturna sulla scia delle attività militari senza precedenti tenute dall’Esercito popolare di liberazione (Pla) con la mobilitazione di aeronautica, marina e unità speciali tra razzi e missili balistici. I sei F-16V usati sono decollati per missioni notturne di ricognizione e addestramento, di cui due armati di missili.
«Di fronte alla minaccia delle recenti esercitazioni militari delle forze comuniste cinesi, siamo rimasti vigili e impegnati a garantire la sicurezza nazionale», ha affermato l’aeronautica militare in una nota. Il portavoce del ministero della Difesa, Sun Li-fang, ha affermato che mentre Taipei ha condannato le azioni della Cina degli ultimi giorni, la situazione è stata una buona occasione per le forze armate di Taiwan di affinare le proprie capacità di difesa e di attacco.

«Coglieremo l’opportunità per testare l’addestramento che facciamo normalmente, aumentando la nostra efficacia in combattimento», ha affermato Sun, per il quale «le forze della Repubblica di Cina sono fiduciose, capaci e determinate a difendere la sicurezza nazionale».


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti