emergenza coronavirus

Tamponi a 10 milioni di abitanti, 0 positivi: Wuhan ha sradicato il coronavirus

Tra le 9.899.828 persone verificate, sono stati trovati solo 300 asintomatici, pari a un rapporto di 0,303 casi per 10mila unità

di V.N.

Coronavirus, a Wuhan test di massa su tutti i residenti

Tra le 9.899.828 persone verificate, sono stati trovati solo 300 asintomatici, pari a un rapporto di 0,303 casi per 10mila unità


2' di lettura

Test a tappeto senza eccezioni per sconfiggere il Covid-19. È quanto ci insegna la Cina, primo Paese segnato dal contagio. E non solo in teoria. Lo dimostra il bilancio dei test di massa voluti dalle autorità sanitarie di Wuhan, la città della provincia dell'Hubei già epicentro dell'epidemia, dopo il caso di coronavirus registrato in città il 10 maggio (il primo dal 3 aprile) e un'altra decina nella provincia. Un campanello di allarme che non è rimasto inascoltato, ma ha dato vita, tra il 14 maggio e il 1° giugno, allo screening a tappe forzate di tutti gli abitanti - parliamo di quasi 10 milioni di cinesi - che non ha rilevato nessun caso di positività.

Individuati solo 300 asintomatici
In base ai dati appena diffusi dalla Commissione di prevenzione e controllo, sulle 9.899.828 persone verificate, sono stati trovati solo 300 asintomatici, pari a un rapporto di 0,303 casi per 10mila unità. Tutti sono adesso sotto osservazione medica insieme ad altre 1.174 persone individuate con cui sono venute a stretto contatto.

Nessuna trasmissione ai “contatti”
Secondo il bilancio finale, dell'operazione, il test è stato disposto su quasi tutta la popolazione della città da 11 milioni di abitanti. Nessun caso d'infezione è stato trovato, ma i 300 asintomatici - i soggetti positivi al virus, ma che non mostrano sintomi della malattia - sono stati messi in quarantena con le oltre 1.100 persone con cui sono venute a stretto contatto nelle ultime settimane. Queste ultime, ha precisato Lu Zuxun, professore del Tongji Medical College, parte della Huazhong University of Science & Technology, hanno dato un esito negativo.

Campagna a spese della municipalità
La campagna del test a tappeto dell'acido nucleico è partita a metà maggio volendo rassicurare la comunità locale sul riavvio di scuole, fabbriche e attività dopo alcuni casi di contagio legati ad asintomatici. La commissione sanitaria aveva spiegato che i test sarebbero stati volontari e liberi, mentre la spesa è stata quantificata in circa 900 milioni di yuan (126,58 milioni di dollari), ha detto il vice sindaco esecutivo di Wuhan, Hu Yabo, assicurando che gli oneri saranno coperti dalla municipalità.

Morto uno dei medici in prima linea
È morto per le conseguenze dell'infezione da coronavirus Hu Weifeng, uno dei medici in prima linea dall'inizio a Wuhan contro «la misteriosa polmonite» e collaboratore dell'oculista eroe Li Wenliang, non creduto sulla strana malattia che gli ricordava la Sars del 2003. Hu, urologo, era diventato noto anche per lo strano caso del cambio di colore della pelle, diventata nera tra farmaci e fegato danneggiato. Il decesso, secondo i media cinesi, è avvenuto questa mattina: Hu è il sesto medico del Wuhan Central Hospital a morire a causa degli effetti del virus.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti