ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùImposte

Tari, dove trovare l’importo da pagare

Entro venerdì 23 dicembre a Milano devono pagare coloro che hanno scelto di versare con rata unica

di Enrico Bronzo

Fisco, Diretto (Unagraco): serve un nuovo patto tributario

2' di lettura

Entro venerdì 23 dicembre a Milano bisogna pagare la Tari (rifiuti) per le utenze domestiche per chi ha scelto di pagare con rata unica. Mentre per chi ha pagato la prima rata entro il 9 dicembre 2022 può pagare la seconda entro il 31 gennaio 2022. Milano è l’ultima città tra le prime dieci più popolose d’Italia dove si può pagare l’imposta in un’unica rata.

Il Comune di Milano assicura che gli avvisi di pagamento Tari 2022 saranno disponibili nel fascicolo del cittadino e inviati ai cittadini nel periodo settembre-novembre 2022 (io, per esempio, non ce l’ho mentre figura come pendenza una rata del 2019 già pagata, ndr.)

Loading...

Le modalità di ricevimento

L’altra strada è ricevere l’avviso di pagamento nella modalità da te prescelta:
1) all'indirizzo di residenza della persona titolare della posizione Tari;
2) all'indirizzo e-mail per chi ha scelto di ricevere la notifica in posta elettronica;
3) all'indirizzo Pec per i titolari di partita Iva e per chi ha registrato il domicilio digitale nel fascicolo del cittadino;
4) sull’app Io.

Cosa fare se non è ricevuto l’importo da pagare?

Controllate le quattro modalità indicate. Se non ci fosse l’avviso con l’importo il contribuente:
1)  deve contattare il proprio Comune e chiedere spiegazioni circa il ritardo;
2) può chiedere un appuntamento all’ufficio tributi sempre del proprio Comune.

Ma non si può non pagare

Se proprio non si trova il modo si deve calcolare l’imposta collegandosi al sito amministrazionicomunali.it e pagare tramite modello F24.

Come si paga l’F24

L’F24 si può pagare:
1) con modalità cartacea; il versamento deve essere effettuato presso gli sportelli bancari, in posta o presso gli uffici dell'ente di riscossione;
2) con modalità telematica (obbligatoria per i soggetti titolari di partita Iva); è possibile pagare sul sito dell'agenzia delle Entrate, su quello di Poste Italiane o tramite i servizi di home banking predisposti dai vari istituti di credito.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti