ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùResidenziale

Tasso fisso sotto i 90mila euro, è il mutuo per la casa vacanza in Italia

Secondo Kiron (mediazione creditizia di Tecnocasa), in questi ultimi due anni, in cui i risparmi degli italiani sono cresciuti in maniera consistente, sono aumentate le operazioni legate all’acquisto di seconde case, viste come veri e propri investimenti

di Davide Madeddu

(David Brown - stock.adobe.com)

4' di lettura

La seconda casa? Un investimento per il futuro, acquistata magari con un mutuo a tasso fisso. Superata l’emergenza pandemia, l’attività immobiliare riprende a viaggiare a ritmi considerati interessanti che fanno registrare una crescita rispetto al passato. A leggere i dati della prima parte dell’anno, riferiti all’erogato della rete Kìron, gli esperti della società di mediazione creditizia del Gruppo Tecnocasa e guardando agli investimenti emerge che la seconda casa, come sottolinea Renato Landoni, Presidente Kìron Partner Spa, viene vissuta «come una forma di investimento».
«Ragion per cui rappresenta solo una minima parte dei mutui erogati – spiega Landoni –. Ne è una dimostrazione il fatto che in questi ultimi due anni, in cui i risparmi degli italiani sono cresciuti in maniera consistente, abbiamo assistito ad un aumento delle operazioni legate all’acquisto di seconde case». A leggere i dati relativi alla rete Kìron viene fuori che nel primo semestre 2022 tali operazioni hanno costituito il 2,4% del totale gestito dalla rete, contro il 2,1% registrato nel 2021.

Tale situazione varia a livello geografico: al Nord il dato dei mutui accesi per la seconda casa è pari al 2,55% del totale, al Sud e Isole incide per il 2,4%, mentre per quel che riguarda le regioni del Centro Italia per l’1,6 per cento.

Loading...

Tra tassi e seconda casa

«Si tratta di investimenti fatti da una fascia di clienti mediamente più alta che spesso copre l’intero ammontare del costo dell'immobile senza ricorrere al mutuo e infatti solo in alcuni casi tale target ricorre al finanziamento per concludere la compravendita della seconda casa». Anche gli importi sono mediamente più bassi e viaggiano intorno agli 89.500 contro una media di 119mila euro. Quanto alla scelta del mutuo, a farla da padrone è, per quasi il 90%, il tasso fisso anche se una piccola fetta opta per il tasso variabile. «Il tasso variabile rappresenta solo il 7,5% dei mutuatari che acquistano una seconda casa contro il 22,4% delle scelte per mutui prima casa».

Inversione di tendenza

Qualcosa nel mercato sta comunque cambiando. Secondo l’Ufficio studi di 24 max, società di mediazione creditizia del gruppo Re/Max, che conferma come il tasso fisso sia quello che va per la maggiore, il cambiamento si intravede all’orizzonte. «La scelta tra tasso fisso e variabile non è più così scontata come lo è stata negli ultimi anni quando la forbice dei tassi era quasi pari a zero». Secondo gli esperti la tendenza cambia se si osservano «gli andamenti delle pratiche caricate ma ancora in fase di elaborazione» dove, a partire da giugno «la proporzione tra fisso e variabile sfiora il pareggio con il fisso che rappresenta il 53,73 per cento».
Per Riccardo Bernardi, chief development officer di 24Max questi dati «vanno letti alla luce dello scenario generale di grande incertezza che trasmette instabilità anche ai consumatori finali. Riteniamo che questo cambio di passo proseguirà nei prossimi mesi, tanto che già da luglio si potrebbe manifestare il sorpasso del variabile sul fisso». Quanto all’importo medio dei mutui, si registra una diminuzione con un passaggio da 124.106 euro del 2021 a 105.204 del 2022.

Le offerte

Sul fronte dei mutui e delle offerte poi basta fare alcune simulazioni sul portale Mutionline – prendendo alcune località di vacanza della Penisola, tra nord, centro e sud – per trovare le diverse opzioni con eventuali costi di istruzione pratica e perizia.
Per l’acquisto di una seconda casa a Riccione (valore immobile 170mila euro, mutuo da 136mila per 20 anni con tasso fisso, si parte da una rata di 733,32 euro (spese istruzione mille euro e perizia 320 euro), per arrivare nell’ambito di 9 proposte a un'offerta che prevede una rata da 799,97, 816 euro di spese per l’istruttoria e 300 per la perizia.

A Gallipoli, per una casa da 150mila euro, finanziando l’intera cifra, si parte da una rata di 635 euro mensili (istruttoria pratica 50 euro e perizia 201,30) per arrivare a 705,86/720 istruttoria e 300 per la perizia).
Per acquistare una seconda casa a Sen Benedetto del Tronto che vale 130mila euro e accendendo un mutuo da 104mila euro, si hanno 11 opzioni. Si parte da una rata da 551 euro mensili, sino ad arrivare a una rata da 611,74 euro.
A Sabaudia, per acquistare una seconda casa che vale 160mila euro, accendendo un mutuo dello stesso importo per 20 anni e a tasso fisso, si va a pagare una rata che va da un minimo di 678,28 sino a un massimo di 752,92 euro.

Se invece l'attenzione si spostasse su San Vito lo Capo, in provincia di Trapani, si scopre che per finanziare con 128mila euro l’acquisto di un immobile che ne vale 160 mila, vengono fuori dieci offerte. In questo caso l’importo delle rate, mutuo per 20 anni a tasso fisso, varia da un minimo di 690,19 euro sino a un massimo di 752,92 euro. Mentre ad Acireale, in provincia di Catania, per una seconda casa da 150mila euro con mutuo a tasso variabile da 120mila euro per 20 anni ri rilevano 11 offerte che vanno da un minimo di 534,55 euro (prima rata) più 750 euro istruttoria e 250 la perizia, sino a un massimo di 600,88 euro (500 euro istruttoria e 250 perizia).

Per l’acquisto di una casa a Stintino, in provincia di Sassari, con valore 140 mila euro e mutuo da 112.000 euro (vent'anni e tasso fisso) si vanno a pagare rate per un minimo di 603,91 euro per arrivare a un massimo di 658,80.
Spostandosi a Sirmione, valore casa 145mila e importo mutuabile pari a 116 mila euro per 20 anni e a tasso fisso, le offerte vanno da un minimo di 614,69 euro al mese, a un massimo di 682,33 euro.
Se si volesse acquistare una casa ad Alassio, del valore di 120mila euro, si riesce a ottenere un’offerta con un mutuo da 114mila euro e rata da 662,91 euro mensili cui vanno aggiunti 2mila euro per istruttoria e 280 euro per la perizia. Infine, a Castiglion della Pescaia (provincia di Grosseto) per un immobile da 135mila euro e un mutuo da 108mila euro (sempre per vent’anni e a tasso fisso) le offerte relative alle rate vanno da un minimo di 572,30 euro, sino a un massimo di 635,27 euro.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter RealEstate+

La newsletter premium dedicata al mondo del mercato immobiliare con inchieste esclusive, notizie, analisi ed approfondimenti

Abbonati