di maio: «non l’ho vista neanche io»

Tav, la Commissione Ue ha ricevuto l’analisi costi-benefici. Tensione Salvini-Di Maio

Tav: 25 km gia' scavati, in 800 al lavoro

2' di lettura

«Io, da vicepresidente del Consiglio che rappresenta gli italiani non ho l’esame costi-benefici della Tav ma pare che ce l’abbiano a Parigi. Questo è abbastanza bizzarro...». Così dichiara Matteo Salvini, a margine di un’iniziativa a Terni, dopo che il ministero delle Infrastrutture ha inviato alla Francia la relazione sui costi-benefici sulla Tav ma senza, evidentemente, informare il vicepremier leghista. Chi conferma invece di averla ricevuta è la Commissione europea: «L’abbiamo ricevuta - conferma la portavoce della commissaria Ue ai Trasporti Violeta Bulc - e ora la analizzeremo».

PER SAPERNE DI PIÙ: La Tav, gli studi e il primato dei numeri

Loading...

«Perché dei numeri che riguardano il futuro degli Italiani sono conosciuti prima a Parigi che a Roma?» si chiede il leader leghista. «Abbiamo dato la relazione prima alla Francia perché si tratta di un trattato internazionale, Matteo avrà un po’ di pazienza e attenderà 24 ore» gli ha risposto il ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli. Che spiega: «Oggi consegniamo il dossier sui costi-benefici alla commissione Ue, Matteo deve avere ancora un po’ di pazienza, quando sarà il momento gliela porterò io personalmente in busta chiusa».

Sulla questione interviene anche l’altro vicepremier Luigi Di Maio: «Salvini stia tranquillo, neanche io l’ho letta l’analisi costi-benefici. Però, io quando mi sveglio penso al fatto che da Roma a Pescara ci vogliono 7 ore in treno, non mi sveglio pensando a un buco per collegare Torino-Lione».

Salvini è poi tornato a smentire seccamente qualsiasi ipotesi di scambi con il M5S tra il voto sull’autorizzazione a procedere nei suoi confronti per il caso Diciotti e il via libera alla Torino-Lione: «Il prossimo che ne parla lo querelo», ha detto. Sulla questione dell’autorizzazione a procedere- e le voci di crisi legate al voto -interviene anche Di Maio: «Abbiamo superato tante volte criticità in questo governo, le supereremo ancora. Ma io sono molto tranquillo, i senatori stanno seguendo la procedura istruttoria».

Analisi costi benefici consegnata all’ambasciatore francese
Il documento che analizza costi e benefici della Tav è stato consegnato a Christian Masset, ambasciatore francese, secondo un iter concordato dai ministri ai Trasporti dei due Paesi, Danilo Toninelli e Elizabeth Borne, «punto di partenza di una interlocuzione tra i due esecutivi - fa sapere il Mit in una nota - che proseguirà a breve con un incontro bilaterale». Come già annunciato da Toninelli, analoga procedura verrà seguita con l'Unione Europea, prima ancora della validazione e della pubblicazione del dossier, che resta top secret.

Il monito della Ue: fondi Tav a rischio
La consegna del documento a Parigi arriva a pochi giorni dal monito della stessa Ue sulle possibili conseguenze dei ritardi dell’Italia sui fondi stanziati per l’opera. «Non possiamo escludere di dover chiedere indietro i contributi già versati», è l'allarme lanciato da un portavoce della Commissione Ue, che ha anche ricordato come l'analisi non sia stata chiesta da Bruxelles. «L'Ue stia tranquilla, tra pochi giorni avrà tutta la documentazione come da accordi», è stata la secca replica del ministro Toninelli, finito nel mirino del Comité Transalpine Lyon-Turin per avere dichiarato «chi se ne frega di andare a Lione».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti