Quotate Italia

Tavares: «Stellantis gruppo competitivo, flusso di cassa positivo già nel 2021»

Il ceo del neonato quarto gruppo automobilistico mondiale: «La nascita di Stellantis non è una mossa difensiva, 39 modelli elettrificati entro l’anno»

default onloading pic
(EPA)

Il ceo del neonato quarto gruppo automobilistico mondiale: «La nascita di Stellantis non è una mossa difensiva, 39 modelli elettrificati entro l’anno»


2' di lettura

Ottanta per cento di sinergie entro i prossimi 4 anni. Una generazione di valore di 25 miliardi grazie alla fusione. E una decisa scommessa sull’elettrificazione con un traguardo preciso già entro il 2025. Mentre il titolo continuava a correre, il ceo di Stellantis, Carlos Tavares, ha tenuto la sua prima conferenza stampa.

Stellantis punta a essere più «grande che grossa, anche se useremo l'effetto scala per innovare e per vincere le sfide del futuro, ha esordito Carlos Tavares. «La nascita di Stellantis non è una mossa difensiva, anche se ha questa dimensione per affrontare le sfide del futuro, ma è anche una mossa offensiva», ha continuato il manager di origine portoghese, sottolineando che Stellantis è «un gruppo unico, competitivo, efficace ed efficiente» che saprà «cogliere le opportunità» del futuro del settore della mobilità.

Loading...

E a proposito di futuro uno sguardo alla composizione della gamma dei prossimi anni. «Attualmente Stellantis ha 29 modelli elettrificati, entro la fine del 2021 diventeranno 39 (10 in più) e tutti i modelli che usciranno entro il 2025 avranno anche una versione elettrificata».

Secondo Tavares, Stellantis, unendo i marchi di Fca e Psa, ha una copertura di tutti i segmenti di mercato e oltre ad avere «una presenza nei mercati chiave di Europa e America» ora ha «l'occasione di fare meglio in Cina». «Abbiamo le capacità di fare grandi cose in futuro», ha aggiunto Tavares.

Quanto ai conti «Il flusso di cassa sarà positivo» per Stellantis «fin dal primo anno», ovvero dal 2021. Tavares punta a «5 miliardi di euro di sinergie, di cui l'80% raggiunte entro il 2024» con «4 miliardi di costi una tantum». I 5 miliardi di sinergie, ha specificato Tavares, saranno raggiunti al 40% sulla realizzazione dei prodotti (es piattaforme), al 35% negli acquisti e per il 25% da una ottimizzazione generale dei costi (ex spese di marketing).

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti