ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLe novità

Decreto taglia prezzi: prorogate le semplificazioni sui tavoli all’aperto in estate

Le autorizzazioni già concesse sono prorogate al 30 settembre. Per le nuove richieste sufficiente una domanda per via telematica

Aggiornato il giorno 11 maggio alle ore 13,15

Covid, mascherine al chiuso fino a metà giugno

2' di lettura

Semplificazioni in arrivo con il decreto di “Contrasto agli effetti economici e umanitari della crisi ucraina” (anche detto dl Ucraina bis o taglia prezzi) per l’occupazione del suolo pubblico di ristoranti e bar. Le autorizzazioni già concesse sono prorogate - previo pagamento - per tutta l’estate fino al 30 settembre. Dal 1° luglio inoltre confermate le procedure semplificate per le domande di nuove concessioni (o di ampliamento di superfice già autorizzate): sarà sufficiente la presentazione per via telematica con allegata la sola planimetria. Inoltre fino al 30 settembre la posa in opera di elementi o strutture amovibili sulle pubbliche piazze, vie, strade e sugli altri spazi aperti urbani di interesse artistico o storico non è subordinata alle autorizzazioni del Soprintendente o del ministero per i Beni e le attività culturali e per il turismo.

Proroga senza ulteriori richieste

«La proroga fino al 30 settembre 2022 per l’occupazione del suolo pubblico per i dehors», approvata con un emendamento della Lega in commissione Industria al Senato, «è una risposta concreta a quegli imprenditori che faticano ancora a riprendersi dall’emergenza sanitaria ed economica, e che ci chiedono con forza di non essere lasciati soli nella ripartenza post pandemica» commentano i senatori leghisti Luca Briziarelli, primo firmatario dell’emendamento, Roberto Marti e Paolo Ripamonti, rispettivamente capogruppo e vicepresidente della commissione Industria al Senato. «L’emendamento approvato permette a bar, ristoranti e pubblici esercizi, già ritenuti idonei, di continuare, previo pagamento, a usufruire di tavoli e sedie all’aperto per tutta la stagione estiva senza dover produrre alcuna nuova richiesta e senza che le Amministrazioni comunali possano negarlo».

Loading...

Il pagamento del canone unico

Per la proroga gli esercizi devono aver pagato il «canone unico» (cioè il canone patrimoniale di concessione, autorizzazione o esposizione pubblicitaria) che dal 2021 ha sostituito tra l’altro la tassa per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche, il canone per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche, l’imposta comunale sulla pubblicità e il diritto sulle pubbliche affissioni). I comuni possono comunque prevedere la riduzione
o l’esenzione dal pagamento del canone unico.

Nuove domande, procedura semplificata

Un altro emendamento, presentato da Forza Italia, proroga al 30 settembre la procedura semplificata per presentare le domande di nuove concessioni per l’occupazione del suolo pubblico o per ampliare le superfici già concesse. Dal 1° luglio al 30 settembre sarà sufficiente la presentazione in via telematica all’ufficio dell’ente locale allegando la sola planimetria in deroga alla disciplina sullo Sportello unico delle attività produttive. Si prevede l’esenzione dall’imposta di bollo.

Nello stesso periodo (1° luglio-30 settembre) dehors, elementi di arredo urbano, attrezzature, pedane, tavolini, sedute e ombrelloni possono essere montati su vie, piazze, strade e altri spazi aperti di interesse culturale e paesaggistico senza le autorizzazioni del Soprintendente o del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo (come previsto dal Codice dei beni culturali e del paesaggio).

«Anche se la fase acuta dell’emergenza è ormai alle spalle - sottolinea il gruppo Forza Italia al Senato - resta il nostro impegno al fianco degli imprenditori e dei piccoli commercianti che hanno subito gravi conseguenze dalla pandemia, tra stop forzati e cali nelle vendite. Con l’avvio della stagione estiva e il ritorno del turismo straniero, questa misura potrà rappresentare un ulteriore strumento per la piena ripresa di attività strategiche per l’economia nazionale».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti