LA SERRATA

Taxi, città nel caos per lo sciopero delle auto bianche

default onloading pic
(ANSA)


2' di lettura

A Milano sono tutti fermi i taxi che normalmente fanno servizio a fianco della Stazione Centrale per i viaggiatori in arrivo, e in piazza Luigi di Savoia i conducenti sono riuniti in assemblea sotto una bandiera tricolore con su la frase «governo abusivo spacciatore di abusivi». Situazioni analoghe, con le auto pubbliche fuori servizio, vengono confermate dalla polizia locale a Linate e in altre strade e piazze della città. Sul posto polizia e carabinieri monitorano la situazione delle piccole manifestazioni, soprattutto per congiurare possibili liti fra tassisti e conducenti di auto private che si sostituissero a loro proprio a causa della giornata di sciopero nazionale. La situazione generale è però, secondo la Questura di Milano, al momento tranquilla.

Partito corteo a Roma dal Colosseo
È in marcia intanto il corteo dei tassisti in sciopero a Roma. Ad aprirlo sono le tassiste, non appartenenti a nessun sindacato o radiotaxi, e che sullo striscione invitano al rispetto, alla dignità, al rispetto del lavoro e della legalità. Il gruppo arriverà in piazza Madonna di Loreto per un'assemblea nella quale i sindacati informeranno i tassisti delle ultime novità apprese ieri durante la riunione con il governo conclusa con un nulla di fatto. Poche le auto bianche da questa mattina negli aeroporti di Fiumicino e Ciampino. Anche se risulta operativo il 40% delle auto tra tutte le
sigle attive sullo scalo di Fiumicino, disponibili e buona parte concentrate, con servizio a chiamata, nell'area del “Polmone” taxi lontano dalle aerostazioni. I passeggeri, per lo più stranieri, vengono informati ed indirizzati da personale
aeroportuale, con la pettorina gialla, verso i taxi disponibili, i pullman diretti nella Capitale e verso il terminal ferroviario del Leonardo da Vinci da dove partono e arrivano i treni no-stop del Leonardo express, uno ogni 30 minuti, in servizio sulla linea Roma Termini-Fiumicino aeroporto e quelli della FL1 Orte-Fara Sabina-Fiumicino aeroporto con fermate intermedie in tutte le stazioni, comprese quelle di Roma Ostiense e Roma Tiburtina collegate con la metro B. Un presidio fisso con agenti di polizia è stato predisposto nella zona arrivi per controllare la situazione.

Taxi in sciopero: disagi nelle principali città italiane

Taxi in sciopero: disagi nelle principali città italiane

Photogallery20 foto

Visualizza

Stop al servizio a Napoli, centinaia manifestano
Taxi fermi dalle 10 di oggi anche a Napoli dove un corteo di circa 600 conducenti di auto pubbliche è partito poco fa da Porta Capuana diretto alla sede della
Prefettura in Piazza Plebiscito. Alla testa una ventina di auto seguite dai tassisti appiedati. Lungo il percorso numerose le soste con la conseguenza di un forte rallentamento del traffico nella zona centrale della città. L'adesione alla protesta fino a questo momento appare massiccia; nelle piazzole di sosta si vedono solo alcuni taxi parcheggiati senza conducente.

Torino, presidio in centro
Un presidio di circa trecento taxi è in corso in piazza Castello, dove hanno sede la giunta regionale e la Prefettura: resteranno parcheggiati fino alle 22, quando terminerà lo sciopero. È stato allestito un gazebo per dare informazioni sulla protesta, dove arriveranno i delegati che hanno partecipato all'incontro al ministero dei Trasporti. «Siamo nel luogo simbolo, sede del primo Parlamento italiano per dire no alla svendita del settore ai poteri multinazionali -
dice Federico Rolando, portavoce nazionale Federtaxi -. Aspettiamo in piazza tutti i 1.500 tassisti torinesi».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti