Nuove nomine

Tecma Solutions amplia il board per espandersi in nuovi asset e all’estero

La tech company specializzata nel Real Estate e quotata a Milano su Euronext Growth ha nominato quattro nuovi consiglieri, portando così il numero da cinque a nove membri

di Laura Cavestri

2' di lettura

Estendere il raggio di azione delle soluzioni proptech dal solo residenziale, ad altri ambiti, soprattutto office, retail e hotellerie. Ma anche proseguire la penetrazione in Usa, Europa centrale e Medio Oriente. Il Consiglio di Amministrazione di Tecma Solutions Spa, la tech company specializzata nel Real Estate e quotata a Milano su Euronext Growth ha nominato quattro nuovi consiglieri, portando così il numero da cinque a nove membri.In particolare, Il CdA ha nominato Mirko Tironi e Luca Malighetti consiglieri non esecutivi e Valeria Falcone e Mirja Cartia D’Asero come amministratori.

Mirko Tironi è stato head of asset manager per fondi di investimento italiani ed internazionali. Oggi è senior partner di Hope, holding di investimenti che opera per lo sviluppo di smart cities. Luca Malighetti è stato managing director di Värde ed oggi è senior partner di Hope. Valeria Falcone, nel real estate dal 1997, è managing director, head of Europe value-add investing di Barings. Mentre Mirja Cartia D’Asero, già avvocato nel settore banking & finance e real estate, in Italia e a Londra, è dal 2019 head of Real Estate di Guber Banca, la banca digitale specializzata nella gestione del credito problematico.

Loading...

«Grazie al know-how e all’esperienza nel settore immobiliare – ha sottolineato l’amministratore delegato di Tecma, Pietro Adduci – si tratta di stimati professionisti che ci consentiranno di accelerare ulteriormente il processo di espansione, dal residenziale alle asset class commerciali, cioè l’ufficio, il retail e, successivamente, l’hotellerie. Con l'obiettivo di favorire il percorso di business & digital transformation nel segmento del Real Estate, sia degli investitori che costruiscono e riqualificano, sia degli operatori attivi sull' asset management».

A settembre – dopo le aperture in Svizzera e Abu Dhabi per entrare, rispettivamente, in Europa centrale e Medio Oriente – Tecma ha aperto a Miami un hub per i progetti sul mercato Usa  (dove già opera con investitori a strategie di “neuromarketing” per velocizzare le vendite). «L’ampliamento del Cda – ha concluso Adduci – è anche funzionale alla crescita nei mercati che vogliamo presidiare, UK e area tedesca in Europa. Emirati in Medio Oriente».

Nel I semestre 2021, Tecma ha cosolidato un valore della produzione pari a 5,7 milioni (+ 44% sul I semestre 2020), un Ebitda di 1,4 milioni (il 25,6% del valore della produzione). Il risultato netto è passato da 1 milione a 0,47 milioni di euro e la posizione finanziaria a -4,8 milioni di euro rispetto da -8 milioni del 31 dicembre 2020. Le risorse sono state destinate a ricerca e sviluppo e internazionalizzazione.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter RealEstate+

La newsletter premium dedicata al mondo del mercato immobiliare con inchieste esclusive, notizie, analisi ed approfondimenti

Abbonati