analisi

Tecnocasa: scenderanno i prezzi delle case

La crisi per l’immobiliare arriverà fino al terzo trimestre 2020. In calo anche la domanda per investimento

di Paola Dezza

default onloading pic

La crisi per l’immobiliare arriverà fino al terzo trimestre 2020. In calo anche la domanda per investimento


2' di lettura

Gli esperti sono concordi nell’attendere un pesante rallentamento delle compravendite di case quest’anno, causa coronavirus. Anche Tecnocasa è della stessa opinione. «Alla luce dell’emergenza del coronavirus, ci aspettiamo un rallentamento dal lato delle compravendite, che già nel 2019 hanno registrato una crescita più contenuta» dicono dall’ufficio studi del network immobiliare.

Saranno coinvolti il secondo e anche il terzo trimestre del 2020. La causa è in parte l’impossibilità di portare a termine le compravendite le cui trattative erano già iniziate nei mesi precedenti, mentre sono a rischio anche le vendite future per via del fatto che in questi giorni non si effettuano visite presso gli immobili.
«Il ridimensionamento dei volumi potrebbe portare anche a un ritocco verso il basso dei prezzi - dice Fabiana Megliola, responsabile della ricerca Tecnocasa -. Ci aspettiamo una leggera flessione della componente di acquisto per investimento per affitti turistici alla luce del calo del turismo, ma non escludiamo che chi è proprietario di questo tipo di abitazione possa spostarsi sulla locazione tradizionale».

Sul segmento dell’abitazione principale tutto dipenderà da come reagiranno le famiglie e le imprese. «Non dimentichiamo che il mercato immobiliare ha vissuto i suoi momenti più difficili in corrispondenza di crisi economiche con impatti importanti sull’occupazione e sulla fiducia» dice. L’incertezza, soprattutto se relativa al posto di lavoro, è una delle variabili che induce prudenza e tende a far procrastinare decisioni importanti come l’acquisto della casa.
«Ancora una volta, come abbiamo ribadito più volte, un ruolo importante lo avranno gli istituti di credito, in particolare con il loro atteggiamento verso l'’rogazione del credito post-epidemia - continua Megliola -. La durata di quest’ultima, delle conseguenti restrizioni e l’efficacia delle manovre di sostegno, saranno tutti elementi decisivi per l’economia nazionale e non solo, incidendo sugli scenari futuri che adesso sono difficili da immaginare e prevedere».

Tecnocasa pubblica anche la fotografia del mercato immobiliare così come era a fine 2019, anno in cui le transazioni immobiliari sono cresciute del 2,4%, con un rallentamento rispetto al 2018, e si sono registrati trend di prezzi diversi, con realtà in decisa ripresa e altre che sembrano non aver ancora imboccato del tutto la stessa strada.

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti