ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùBorsa

Tecnologici sotto pressione in Borsa: rischio rallentamento forniture dalla Cina

La crisi energetica a Pechino, causata dall'alto prezzo del carbone e dalle più stringenti regole sulle emissioni, sta portando alla sospensione delle attività in diversi siti industriali con conseguenze a cascata sulle catene produttive

di Andrea Fontana

1' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - E' il comparto tecnologico il primo bersaglio del malumore sui listini azionari a causa dei timori sulla capacità di approvvigionamento dalla Cina: il sottoindice Stoxx600 del settore cede oltre il 3% e in fondo ai principali listini europei viaggiano Infineon, Stmicroelectronics, Asml Holding, Sage Grp, Dassault Systemes. Ma anche al di là dell'Atlantico l'andamento dei prezzi in pre-mercato di titoli come Apple, Microsoft e Intel è negativo.

Lo stop a diversi siti industriali

Secondo quanto riportato dal Wall Street Journal e da diverse agenzie internazionali, in molte province cinesi l'incremento dei prezzi del carbone (ma anche i vincoli più stringenti in tema di emissioni) sta portando a una riduzione della fornitura di energia e a tagli alla produzione da parte di diversi siti industriali. Secondo il giornale Usa, in una delle aree più colpite, la città di Kunshan, diverse aziende di produzione di semiconduttori sono state costrette a sospendere per qualche giorno la produzione: il quadro alimenta la preoccupazione per eventuali rallentamenti alla catena di fornitura dell'industria tecnologica.

Loading...

Goldman Sachs abbassa le stime sul Pil cinese

Secondo i media cinesi comunque Pechino sta cercando di porre un rimedio alla crisi energetica puntando ad assicurare la fornitura di energia per evitare che questo si traduca in una frenata dell'economia: gli analisti di Goldman Sachs hanno posto proprio il tema energetico alla base della propria previsioni di una crescita del Pil cinese meno brillante nel 2021, al 7,8%, rispetto a quanto stimato in precedenza (+8,2%). Per il broker Usa il 44% delle attività industriali del Paese potrebbero essere impattati dalla crisi energetica.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti