House Ad
House Ad
 

Tecnologie Social Network

Per Kaspersky Lab il cybercrimine è alle stelle. E fra i colpevoli c'è Twitter

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 23 febbraio 2011 alle ore 11:26.

Se il buongiorno si vede dal mattino, il 2011 sarà un anno molto difficile per gli internauti in relazione alle minacce che piovono dal web. Gli attacchi scagliati dai cybercriminali, stando all'ultimo rapporto mensile di Kaspersky Lab, sono infatti in fortissima crescita e fra i pericoli più diffusi compaiono i malware creati su Twitter. Un'ulteriore conferma dunque che anche i social network sono oggi un canale preferenziale per la distribuzione di virus e via dicendo.

In assoluto, la palma di principale evento fraudolento di gennaio va al worm di posta elettronica Hlux Email-Worm.Win32, che si diffonde attraverso link che invitano a installare un finto Flash Player per poter visualizzare una cartolina in formato elettronico. Un worm assai pericoloso, secondo i ricercatori di Kaspersky, perché fra le sue "doti" ci sono anche funzionalità che gli consentono di aggiungere i computer infettati a reti botnet, con il fine ultimo di inviare a centinaia e centinaia di malcapitati utenti spam relativi all'offerta di prodotti di tipo farmaceutico.

Altra pratica sempre più gettonata dagli hacker è inoltre quella di proporre in Rete fasulle versioni di popolari programmi software, dagli antivirus dei principali fornitori di sicurezza informatica fino ai browser, vedi Internet Explorer 9. Il menu dei malware e degli adware lanciati il mese scorso è quindi alquanto ampio e fra questi spicca, minacciosamente, la massiccia distribuzione di link maligni su Twitter. Link appositamente creati per attirare l'attenzione dei blogger che, dopo una serie di reindirizzamenti, portano a una pagina che promuove un programma antivirus falso.

L'allarme che arriva dalla società russa, coerente con quelli inviati periodicamente dalle altre aziende del settore della sicurezza (Symantec, Trend Micro, McAfee e via dicendo), non si limita comunque ai grandi rischi che corrono gli internauti collegati a Internet dal proprio pc ma si estende anche agli utenti mobili. Gli smartphone, in particolare, sono da tempo un obiettivo molto sensibile per gli attacchi dei cyber criminali e di pari passo con la loro diffusione su scala globale crescono anche i malware sviluppati per le piattaforme operative dedicate ai cellulari. Il problema, visto che il fenomeno è già radicato, è quello di scegliere la soluzione di sicurezza più adatta.

L’articolo continua sotto

Tags Correlati: Adobe Flash Player | Internet Explorer | Kaspersky Anti Virus | Symantec | Symbian | Trend Micro | Windows Mobile

 

Il consiglio di Kaspersky è in tal senso quello di investire su un prodotto in grado di funzionare su più piattaforme (è il caso di Mobile Security 9, che gira su Android, BlackBerry, Symbian e Windows Mobile ma non sugli iPhone) e di offrire, oltre alla protezione da malware e spam, la possibilità di bloccare le telefonate e gli sms non desiderati (anche creando delle liste nere), nascondere contatti e file che si desidera tenere riservati, proteggendoli nel caso con password o sistemi di crittografia, e localizzare il dispositivo in caso di smarrimento. In buona sostanza, meglio non trascurare di agire preventivamente prima che sia troppo tardi. Perché tutto ciò che rappresenta una minaccia per chi naviga on line, social network naturalmente in testa, dal computer di casa o quello portatile è oggi un serio potenziale problema per chi, armato di smartphone e tablet, è costantemente "always on".

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da