Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 08 luglio 2012 alle ore 17:04.

My24

Avete mai visto un bambino alle prese con un tablet o a uno smartphone? Il loro istinto nell'usarli senza che nessuno li abbia istruiti è impressionante, quasi l'avessero scritto nel Dna. Questo approccio naturale non è sfuggito neanche agli scienziati che hanno studiato l'impatto dell'iPad e di altri dispositivi simili sullo sviluppo del bambino, soprattutto se confrontato alla "baby-sitter" di sempre, la televisione. Per anni i bambini sono stati seduti per ore davanti alla tv o giocato coi videogiochi, forme di intrattenimento educative non scevre da controindicazioni. Ma ora neuroscienziati e pediatri dicono che il tablet è tutt'altra cosa.

I primi indizi, anche se non ancora conclusivi, suggeriscono che i dispositivi touch potrebbero non essere così dannosi come la televisione. E addirittura possono rappresentare un aiuto per l'apprendimento. L'interattività su uno schermo piccolo, come emerge dai risultati, consente infatti al bambino di concentrarsi di più. Daniel Anderson, professore di Psicologia all'Università del Massachusetts, ha condotto studi sui bambini e sulla tv per oltre 30 anni. «Quello televisivo è uno strumento pedagogico imperfetto dal momento che i giovani non capiscono cosa mettere a fuoco, distogliendo lo sguardo dallo schermo anche 150 volte in un'ora» ha detto al Wall Street Journal. Un'app o un sito ben progettati (a destra una selezione delle ultime novità ludo-educative), invece, sono più coinvolgenti perchè interattivi: l'area dello schermo che il bambino tocca è la stessa in cui avviene l'azione. E le prime indagini hanno dimostrato che i piccoli tra i 4 e 7 anni hanno fatto progressi importanti utilizzando le applicazioni del tablet, come con l'app "Martha Speaks" con cui i bimbi di 3 anni hanno migliorato il proprio vocabolario del 17 per cento. Dopo appena due anni è presto per dare giudizi certi sulle capacità educative dell'iPad, ma tutti i segnali raccolti finora fanno pensare a una vera svolta rispetto ai tradizionali metodi adoperati.

L'ARTE? UN GIOCO DA BAMBINI
PlayArt by Tapook. L'arte si unisce al gioco e all'apprendimento nella nuova app per iPad pubblicata dalla casa editrice digitale Tapook. Che fa giocare i bambini con l'arte di 5 pittori importanti: Van Gogh, Paul Klee, Cézanne, Monet, Henri Rousseau. Lo schermo dell'iPad diventa la tela dove disporre liberamente elementi presi dalle opere originali degli artisti, e comporre così un proprio quadro. I bambini imparano e sperimentano gli stili e i tratti caratteristici dei pittori esercitando allo stesso tempo la loro creatività. I video su ciascun artista introducono in maniera semplice e accessibile la loro vita e le opere, attraverso disegni e animazioni, e la voce narrante di bambini. In Italia da oggi a martedì 10 l'app è gratuita, poi costerà 2,99 euro. Per bambini dai 5 a 13 anni.
Video trailer
Video tutorial

LA STANZA DELLA MUSICA
Filarmonica di New York. Il sito ha una bellissima sezione interattiva dedicata ai bambini, la kidzone, appunto, per scoprire e imparare tutto sulla musica, divertendosi: dagli strumenti musicali ai musicisti, dai compositori ai direttori d'orchestra di musica sinfonica. Come in un videogame, l'avatar del gioco entra nelle diverse stanze e sceglie lo strumento. In un'altra room sono appesi i ritratti dei più famosi compositori della storia, con una breve biografia e la possibilità di ascoltare le sue sinfonie più famose. Un'altra stanza, invece, è adibita al laboratorio della musica: qui qualunque cosa può trasformarsi in uno strumento. Infine l'edicola mostra gli eventi storici topici all'epoca del compositore. Gratuita.

ABBINAMENTI POP
Flutterby Butterflies. È un gioco multi-livello in un mondo di fiori e farfalle che insegna ai bambini dai 18 mesi ai 6 anni l'abbinamento dei colori, l'abc e le prime parole in rima. Ma anche educare l'occhio dei bimbi alla pop art. I disegni originali sono infatti firmati dal leggendario illustratore, Alan Aldridge, che ha creato le indimenticabili illustrazioni dei Beatles, ma è anche progettista dell'Hard Rock Cafe e della House of Blues. Butterflies Flutterby è stato sviluppato da FeeFiFoFun, che ha un sito dove i bambini possono trovare giochi online, rompicapi e pagine da colorare. La società è costituita da artisti, designer e scrittori che hanno lavorato con Pink Floyd, Blue Man Group, Cirque du Soleil. L'app è disponibile su iTunes nella categoria Education al prezzo di 1.49 dollari.

Commenta la notizia

Shopping24

Dai nostri archivi