Tecnologia

Tern Vektron, pieghevole elettrica perfetta per i commuter

  • Abbonati
  • Accedi
mobilità sostenibile

Tern Vektron, pieghevole elettrica perfetta per i commuter

È la bici perfetta per i commuter. Tern Vektron è la prima due ruote pieghevole elettrica di alta gamma, che va e che è sicura. Appena presentata a Eurobike 2016, la due ruote della Tern, ha un motore Bosch da 250 W che permette di pedalare senza fatica a lungo e di procedere in velocità. Accanto al motore, posto al posto della corona davanti, nel tubo dietro la sella monta una batteria con una potenza di 300 Wh, sempre Bosch, capace di offrire energia per circa 100 chilometri di autonomia con una sola ricarica, ricarica che è abbastanza veloce.

La Tern Vektron monta i componenti Shimano Deore, con freni a disco idraulici perfetti e sicuri in ogni situazione meteo (acqua, fango, neve) e nel traffico urbano, e il cambio sempre Deore con diverse velocità. Importante: la bici ha di serie due potenti luci a led, davanti e dietro, che permettono di spostarsi in sicurezza nelle città anche di notte, e consentono una buona visibilità anche al buio (150 lumen), se ci si allontana dalle zone urbane illuminate. Luci che non vanno ricaricate perché sono fisse e collegate alla batteria. È sufficiente ricaricare la batteria, togliendola dalla sede e collegandola a un apposito caricatore (come fosse la pila di un telefonino) o anche direttamente sulla bici, collegandola con un cavo in dotazione insieme allo stesso caricatore.

Io l'ho provata la Tern Vektron per qualche giorno nel mio tragitto quotidiano da pendolare, un percorso di 50 chilometri (25+25km) dal paese dove vivo sul Naviglio alle porte di Milano, fino al capoluogo lombardo. Con il percorso di andata al mattino nel traffico. E il ritorno a casa, uscito dal giornale in piena notte, pedalando nel buio della provinciale senza problemi, in sicurezza, nonostante le auto e la strada non illuminata. Ebbene la luce anteriore anche se si procede al buio offre una buona visibilità, quanto il faro di uno scooter. I freni “frenano” davvero anche a tutta velocità: li ho messi alla prova davanti a un semaforo diventato rosso all'ultimo secondo. Ho “inchiodato” in pochi metri e sono riuscito a fermarmi in sicurezza anche se andavo a 30 all’ora. Ottima davvero in termini di sicurezza anche perché il telaio è stato riprogettato per accogliere il motore Bosch: ha una carenatura bassa ed è particolarmente stabile in termini di rigidità.

Il motore elettrico prevede diverse possibilità di utilizzo: Tour, Sport, Turbo... Si può anchenon utilizzarlo, e quindi di usare la Vektron come una normale pieghevole compatta Tern. Io l'ho utilizzata nella modalità Turbo che è quella con la pedalata assistita che permette di raggiungere la massima velocità (in Italia è per legge fissata a 25 chilometri all'ora). Negli Stati Uniti questo tipo di biciclette può circolare con velocità fino a 32 Km all'ora: la cosa ha un senso se ci pensate perché una bici come la Tern Vektron ha tutto quello che serve per andare in sicurezza in bici anche a 30km/h e più. I freni rispondono davvero bene. La bici è rigida, solida ed è facile da guidare, anche nel traffico. Insomma un mezzo super efficiente e sicuro. Ma per le normative Ue il potente motore Bosch viene autolimitato a 25 Km/H. Succede così che se si vuole andare un po' più veloci bisogna sudare perché, raggiunto quel limite di velocità, il motore automaticamente azzera l'aiuto alla pedalata: per questo motivo chi acquista di solito una bici elettrica come questa chiede al proprio meccanico di togliere il limite al motore Bosch.

La Tern Vektron è una bicicletta perfetta in sostituzione dell'automobile per il percorso casa-lavoro o im alternativa per non “morire” - sarebbe meglio dire forse essere costretti a passare le giornate - dentro scatole di latta in coda in mezzo al traffico. Non inquina. Non consuma e permette di stare all'aria aperta e di fare una leggera attività fisica (non bisogna essere Nibali per farci tanti km: io per fare 25 km al mattino e 25km alla sera non mi sono neanche cambiato: quando mi capita di farlo con una normale bici da corsa, si suda eccome). Ed è una bici pieghevole, si piega in pochi secondi. Quindi una volta arrivati al lavoro si può portare in ufficio, accanto alla scrivania. Motivo per cui è difficile da rubare. E poi, sempre per il fatto che è pieghevole, può essere caricata sui bus e sui treni senza pagare il biglietto, come avviene invece per le normali biciclette che non possono essere piegate. Una volta piegata la Tern Vektron misura 86 x 68 x 36 centimetri. Con un sistema di calamite, già sperimentato sulle Tern senza motore, le due ruote della bici piegata si uniscono e si spinge senza troppa fatica. Unico neo di questa super bici è il peso: 21,8 kg. Non è tantissimo considerando che monta il migliore motore e la migliore batteria Bosch, che è attualmente il top per le trasmissioni elettriche per bici, già sperimentato dai produttori di Mtb di alta gamma. Ma non è neanche poco considerando che ci sono bici pieghevoli, anche Tern, che pesano poco più di 10 kg, molto più facili da alzare e trasportare, ad esempio, lungo una rampa di scale della metropolitana o per scendere nel sottopassaggio di una stazione ferroviaria e raggiungere il binario di un treno.

La Tern Vektron è stata pensata come una bici da commuter, utilizzabile da tutta la famiglia. E' molto facile da usare - quasi intuitiva - e anche da ricaricare. La sella e il manubrio sono facilmente regolabili e sono state studiate per far pedalare persone alte da 140 cm a 195 cm. Insomma è una bici per tutti. Di serie, oltre alle luci al led, al gruppo Shimano Deore, a comode manopole che permettono di poggiare il palmo e a una sella per andare in bici sul serio, monta anche un Cargo Rack, portaoggetti posteriore, molto solido e resistente, che permette di montare diversi accessori come borse, un sedile per bambini, insomma di portare dei pesi senza fatica. Tern Vektron è disponibile in una sola colorazione: tutta nera matt, con decorazioni blu lucide. Costa 3.300 euro. Quanto uno scooter, ma è un investimento che si ripaga in fretta per chi decide di usarla seriamente negli spostamenti urbani se si calcola il costo di un pieno di benzina o il costo per l'acquisto e il mantenimento di un'auto.

Vivamente consigliata a chi cerca un'alternativa alle code in auto al mattino, o vuole rivedere le proprie abitudini di mobilità.

© Riproduzione riservata