Tecnologia

Microsoft investe nel software aperto e acquisisce GitHub per 7,5 miliardi

  • Abbonati
  • Accedi
l’operazione

Microsoft investe nel software aperto e acquisisce GitHub per 7,5 miliardi

La Microsoft degli anni Novanta non c’è davvero più. Il colosso di Redmond ha annunciato l'acquisizione di GitHib, la piattaforma per lo sviluppo di software aperto più grande delo mondo. Si tratta di una operazione da 7,5 miliardi di dollari in azioni. In una raccolta fondi del 2015, GitHub fu valutata 2 miliardi. Con questo mossa il Ceo del colosso informatico, Satya Nadella, si porta a casa la più grande community di programmatori del mondo. Come è stato per l’operazione LinkedIn, GitHib opererà indipendentemente «per fornire una piattaforma aperta a tutti gli sviluppatori in tutte le industrie».

Microsoft ha precisato che i risultati finanziari di GitHub compariranno nel segmento “intelligent cloud”. L'azienda cofondata da Bill Gates si aspetta che l'acquisizione aumenti gli utili per azione pro froma nell'anno fiscale 2020 e diluisca “di meno dell'1%” gli utili per azione adjusted negli esercizi 2019 e 2020. L'operazione dovrebbe essere completata entro la fine del 2018. Microsoft da inizio anno ha guadagnato quasi il 18% in Borsa e il 44% negli ultimi 12 mesi.

Cosa è GitHub?  GitHub è essenzialmente un tool per programmatori. Molte aziende, tra cui Microsoft e Google, lo utilizzano per archiviare il proprio codice aziendale e renderlo così aperto alla collaborazione di altri sviluppatori. Volendo lo si può definire come un social network per sviluppatori. Nel 2016 le perdite di GitHub sono state significative: 66 milioni in tre trimestri. Ad agosto, GitHub ha annunciato che stava cercando un CEO per sostituire Chris Wanstrath, uno dei co-fondatori. Nel frattempo, Julio Avalos, Chief Business Officer di GitHub, è entrato a far parte del consiglio di amministrazione della società e ha assunto gran parte della leadership quotidiana dell'azienda.

La Microsoft di Steve Ballmer è davvero finita. Se pensiamo alla Microsoft guidata da Steve Ballmer, che faceva del software proprietario la sua bandiera, questa acquisizione rappresenta una rottura profonda con il passato. Nei primi anni 2000, Ballmer e il suo team erano molto critici nei confronti dei progetti di software aperto e open source, definendoli un “cancro” contrario al modello americano. Il software open source consente agli sviluppatori di migliorare e condividere il codice, un approccio che minacciava il modello di business di Microsoft. Da allora è cambiato molto e, sotto l'attuale CEO Satya Nadella, Microsoft supporta molti aspetti di Linux e ha utilizzato modelli open source su alcuni importanti prodotti cloud e di sviluppo. Questo accordo segnerà un altro passo drammatico in quella direzione.

© Riproduzione riservata