Tecnologia

A Padova scienza e imprese insieme per gli «Open Innovation Days»

  • Abbonati
  • Accedi
L’iniziativa

A Padova scienza e imprese insieme per gli «Open Innovation Days»

A Padova torna l’appuntamento con gli Open Innovation Days (nella foto l’edizione 2017)
A Padova torna l’appuntamento con gli Open Innovation Days (nella foto l’edizione 2017)

Nell’era della conoscenza i confini della ricerca non finiscono con le porte del laboratorio o dell’azienda. È all’insegna dell’open innovation che coinvolge attori spesso molto diversi nei processi di innovazione come ha postulato l’economista Henry Chesbrough che a Padova, il prossimo 26 e 27 ottobre, si inaugura la seconda edizione di Open Innovation Days, la due giorni promossa dall’Università di Padova e Nòva24-Il Sole24Ore.

«L’obbiettivo è anticipare il futuro e contribuire a disegnarlo per fare di Padova un fulcro dell’innovazione» sottolinea il Rettore Rosario Rizzuto. Tre i temi dell’edizione 2018: Reti umane e digitali, con l’interazione intelligente fra macchina e uomo sempre più al centro della discussione pubblica; Economia circolare, per ripensare produzione e consumo aumentando la competitività dei territori e Cure del futuro, con terapie sempre più all’avanguardia ma anche la sfida dell’accesso a queste cure sempre più costose. OID si conferma laboratorio di sperimentazione riproponendo format come Tavoli della Ragione e Processi e lanciando Absolute Beginner: un bando riservato a chi vuole raccontare un’innovazione sui palchi di Padova durante l’evento.

Absolute Beginner è aperto a tutti gli studenti e ricercatori di Padova e dei Contamination Lab italiani, e ci si candida sul sito web nova.ilsole24ore.com/oid entro il 22 giugno. I selezionati saranno invitati a Padova per partecipare a OID2018 in vari ruoli, come speaker a panelist. «Saranno due giornate nelle quali puntiamo a superare il successo del 2016 – sottolinea Rizzuto – chiunque può portare il proprio tassello: gli Innovation Days sono l’occasione ideale per mettere in circolo le idee e farle crescere». «Per la squadra di Nòva è un grande privilegio lavorare con l’Università di Padova in un format che coinvolge un grande ecosistema di innovatori – osserva Luca De Biase, responsabile di Nòva24 e dei contenuti della manifestazione - gli Open Innovation Day danno un contributo allo sviluppo della conoscenza in termini rigorosi e pratici. Ispirando la visione, alimentando i progetti, spingendo le persone a parlarsi di problemi e soluzioni scientificamente sensate e civicamente impegnate».

© Riproduzione riservata