Tecnologia

Le console in abbonamento come gli smartphone. Ecco come funziona

  • Abbonati
  • Accedi
Videogiochi

Le console in abbonamento come gli smartphone. Ecco come funziona

Confermati i rumors dei giorni scorsi. Microsoft ha lanciato un abbonamento all-in-one che comprende console, abbonamento online e accesso ai giochi. Si chiamerebbe Xbox All Access e comprenderebbe entrambi gli abbonamenti attualmente in uso su Xbox One, ovvero Xbox Live Gold e Xbox Game Pass, insieme anche alla console Xbox One S o Xbox One X. Il condizionale è d’obbligo. L’annuncio è uscito in un primo momento sul blog di Xbox, subito ripresa dalla rivista online Venture Beat è stata poi rimosso dal sito Microsoft. Anche per questo la novità riguarderebbe solo il mercato degli Stati Uniti. Nessun annuncio è previsto per l’Europa.

L’annuncio. Secondo quanto riportato , Xbox All Access offre due diversi piani di abbonamento, il primo include una console Xbox One S più Xbox Live Gold e Game Pass a 22 dollari al mese per 24 mesi, mentre il secondo include Xbox One X, Game Pass e Xbox Live Gold a 35 dollari al mese. Al termine della durata dell'abbonamento (due anni), la console resterà di proprietà dell'abbonato anche se questo decidesse di non usufruire più di Xbox All Access.

Di cosa si tratta. Sostanzialmente è una console Xbox One in leasing più una serie di servizi ad essa associati compreso un abbonamento a un catalogo di giochi. Tutto dietro pagamento di una sottoscrizione mensile per due anni.

Perché è una buona idea. Come già avviene per gli smartphone che sono venduti dagli operatori di tlc con un abbonamento anche per i videogiochi il modello di business sta andando verso una sottoscrizione in grado di abbracciare hardware e software. Attualmente, un anno di servizi come Xbox Live Gold e Xbox Game Pass costa complessivamente 180 euro circa ( 59,99 euro per Xbox Live Gold e 9,99 euro al mese per Xbox Game Pass). Con questa modalità di acquisto a rate si risparmia un pochino.

Cosa cambia per l’industria del gaming. Non è l’ennesima vittoria del paradigma Netflix che al contrario è specializzata sul modello di distribuzione del contenuto. Microsoft All Access vuole aggirare l’ostacolo del prezzo a volte proibitivo di una console (la Xbox One X costa oltre 400 euro) sopratutto per una famiglia. Ma più che altro vuole spingere quell’idea di videogioco come servizio che da sempre attraversa la visione di un gruppo come Microsoft che di mestiere vende servizi e applicazione di cloud computing.

© Riproduzione riservata