Tecnologia

Videogiochi: ecco l'algoritmo che rende automatica la creatività …

  • Abbonati
  • Accedi

Videogiochi: ecco l'algoritmo che rende automatica la creatività (ma non funziona)

  • –di

Per ora è uno studio ma prima o poi arriveranno anche i primi prototipi. Al Georgia Tech Institute, stanno insegnando all'intelligenza artificiale a essere creativa con i videogame. Lo studio si intitola” Automated Game Design via Conceptual Expansion”, in pratica i due ricercatori Mark Riedl e Matthew Guzdial hanno dato in pasto a un algoritmo di machine learning il filmato di gioco dei primi livelli di Super Mario Bros. , Kirby's Adventure e Mega Man per Nintendo Entertainment System. Una volta che il software ha “digerito” attraverso la computer vision gli elementi del video è stato in grado di mappare da un punto di vista delle probabilità le relazioni tra oggetti di gioco, le interazioni per esempio di Mario con funghetti o i cambiamenti nel comportamento dei nemici dell'idraulico. Una volta stabilito il funzionamento del gameplay, i due ricercatori hanno chiesto all'algoritmo di generare nuovi giochi con gli elementi appresi. Come si legge anche sullo studio l'esperimento è riuscito ma in parte. Perché per quanto abile nel replicare il gameplay l'intelligenza artificiale non è stata ancora in grado di migliorare o realizzare nuovi giochi. In pratica, i giochi non erano divertenti. A dimostrazione che forse in questa industria servirà ancora per un po' di anni un po' di artigianalità umana.

© Riproduzione riservata