Tecnologia

Con il climate change niente più birra: cala il raccolto di orzo,…

  • Abbonati
  • Accedi
cambiamento climatico

Con il climate change niente più birra: cala il raccolto di orzo, prezzi alle stelle

  • –di
Reuters
Reuters

Gli studi dell’Ipcc hanno lanciato l’allarme sugli effetti catastrofici del cambiamento climatico, ma gli esperti dell’organismo dell'Onu si sono dimenticati di avvisare che tra gli effetti indesiderati ci sarà anche una drastica riduzione della birra. Che il riscaldamento globale potesse avere conseguenze dirompenti sull’alimentazione mondiale non rappresenta certo una sorpresa: negli ultimi anni i ricercatori si sono concentrati soprattutto sulle conseguenze per il vino e il caffè. E che allo stesso tempo le attuali abitudini alimentare umane siano insostenibili in prspettiva è altrettanto chiaro scientificamente.

Ora però un team della University of East Anglia si è concentrato sugli effetti dei cambiamenti climatici sulla produzione di birra: la siccità, hanno calcolato in uno studio pubblicato su Nature Plants, provocherà una contrazione della produzione di orzo, il principale ingrediente per la produzione della birra una volta trasformato in malto, il cui raccolto sarebbe ridotto tra il 3 e il 17% a seconda delle regioni. Tra le più colpite ci sarebbero zone di grande tradizione birraria tra cui Belgio, Repubblica ceca e Irlanda. La Polonia rischia di vedere un prezzo quasi quintuplicato, mentre in molti paesi, dalla Germania al Regno Unito al Giappone, i consumi potrebbero registrare un crollo di quasi un terzo.

Secondo i calcoli il conseguente innalzamento dei prezzi, che potrebbe arrivare a un raddoppio, si tramuterebbe in una riduzione del 16% del consumo globale di birra, pari a 29 miliardi di litri, l’equivalente del consumo annuo degli Stati Uniti. Anche nello scenario più ottimista i consumi si ridurrebbero del 4% e i prezzi lieviterebbero del 15%.

A oggi la birra è la più popolare bevanda alcolica del pianeta con un mercato che si prevede possa arrivare a 750 miliardi di dollari per il 2022. Anche se questa conseguenza non è certo tra le più drammatiche per il genere umano, se non si farà a sufficienza per contrastare il cambiamento climatico, per buona parte della popolazione mondiale la birra rischia di diventare un bene di lusso.

Un mondo migliore con l’economia circolare:
appuntamento a Padova con Oid

Le risorse del nostro pianeta sono finite e i modelli produttivi ad alto consumo di risorse sono in crisi, ma una nuova generazione di imprenditori sta coniugando sostenibilità e crescita economica con successo. A guadagnarci sarà tutto il pianeta.

Na parliamo a Padova venerdì 26 ottobre a Padova, all’Università (Aula E, ore 14,30) in occasione della due giorni di Open Innovation Days di Nòva24, con Giulio Bonazzi, Ceo di Aquafil, Fabio Di Liberto di Isko, Fabio Zardini, country manager Italia di Patagonia Europe, Stefano Carosio di Unismart, Università di Padova ed Eleonora Di Maria dell’Università di Padova.

Vai al programma.

© Riproduzione riservata