Tecnologia

Cyberattacchi, la minaccia più grave per il business

  • Abbonati
  • Accedi
rapporto del world economic forum

Cyberattacchi, la minaccia più grave per il business

Gli attacchi informatici rappresentano la minaccia più grave per le attività imprenditoriali: è questa la convinzione dei top executive consultati in Europa, Nord America e Asia Orientale dal World Economic Forum, che ha rilasciato i risultati dell’ultimo Regional Risks for Doing Business Report. Il sondaggio globale effettuato tra oltre 12.500 top executive in 140 economie – ai quali è stato chiesto di identificare i 5 maggiori rischi – indica risposte differenziate nelle otto aree regionali del mondo in cui è stato effettuato, ma evidenzia che i cyberattacchi rappresentano una preoccupazione sempre più grave per i dirigenti delle imprese: in proposito, per la prima volta, c’è unaninimità nelle tre aree economiche più avanzate del pianeta, con l’ascesa al top dei pericoli informatici anche in Europa.

Tuttavia, c’è da chiedersi se a fine gennaio, quando si svolgerà il summit di Davos, le risposte non saranno differenti, almeno in Europa. Il sondaggio è stato effettuato nella prima parte di quest’anno. E questo probabilmente spiega in parte perchÈ, al secondo posto tra i rischi maggiori identificati dai manager europei, è citato quello delle bolle finanziarie. Solo al terzo e al quarto posto compaiono, in ambito europeo, i fattori «Failure of national governance» e «Failure of financial mechanism or institution», ossia da un lato il rischio di politiche nazionali fallimentari, dall’altro quello di una inadeguatezza di istituzioni o meccanismi finanziari a porvi rimedio. Non stupisce che il fattore «governance» nella sfera pubblica risulti al primo posto tra i rischi per il business in America Latina e nell’Asia meridionale, così come lo sia quello di shock sui prezzi delle materie prime nelle aree di grande produzione di petrolio e gas in Medio Oriente, Nord Africa ed Eurasia. Il World Economic Forum lancera' il complete Global Risk Report il prossimo 16 gennaio.

«Alla luce delle attuali incertezze geopolitiche globali, la cooperazione all'interno e tra le aree regionali assume una importanza fondamentale. La comprensione dell’evoluzione dei rischi nelle differenti regioni è di interesse cruciale per I business leaders», osserva Mirek Dusek, deputy head of Geopolitical and Regional Agendas e membro dell’Executive Committee al Wef. Dal sondaggio, infine, emergono anche diffusi timori relativi ai crescenti contrasti geopolitici, che hanno già portato a un aumento di dazi e sanzioni e potrebbero avere più gravi conseguenze non solo economiche.

© Riproduzione riservata