Tecnologia

In una sola piattaforma l’ecommerce dei regali solidali

  • Abbonati
  • Accedi
acquisti consapevoli

In una sola piattaforma l’ecommerce dei regali solidali

Per chi non ama andare per mercatini e banchetti di beneficenza o per chi non sa a chi rivolgersi per una donazione arriva un unico aggregatore per lo shopping solidale natalizio. Sulla piattaforma Italia Non Profit sono disponibili tutte le proposte di ecommerce natalizie messe online dalla organizzazioni non profit italiane. A oggi sono circa 2mila quelle registrate, che mettono a disposizione degli utenti (più di 160mila quest’anno) tutte le informazioni sulle attività e i progetti, la governance, i bilanci, garantendo un maggior livello di conoscenza e di trasperenza del settore.

“Abbiamo constatato che online “regali di natale solidali” è stato cercato 1.300 volte, “regali solidali” 5.400. Sicuramente un forte interesse verso gli shop solidali ma una percentuale davvero piccola del potenziale da raggiungere e sensibilizzare. Anche sui singoli prodotti non è facile per il Terzo Settore emergere, così diviso tra infinite singole proposte a competere contro le grandi piattaforme del commercio elettronico” spiega Giulia Frangione, amministratore unico di Italia non profit.

La pagina aggrega tutti gli ecommerce e gli shop online dedicati ai regali solidali degli enti che hanno fatto una scelta di trasparenza e messo a disposizione dei cittadini i propri dati e informazioni. Sulla pagina in un click è possibile trovare i prodotti offerti dagli enti “cerchi un Panettone? Ecco quali organizzazioni hanno questo prodotto”; conoscere meglio l’organizzazione e scoprire tutta la sua offerta, “sai già che organizzazione sostenere ma non trovi il suo shop? Cerca il nome nell'elenco”; individuare un beneficiario e scegliere l’organizzazione e il prodotto ideale “per questo Natale vuoi supportare solo enti che si occupano di bambini e infanzia? Clicca sul beneficiario e scopri quali organizzazioni con uno shop solidale lavorano in quest’ambito”.

Sono rappresentate sulla pagina dedicata al Natale tutte le cause sociali: 35% degli enti si occupa di assistenza sociale e socio sanitaria; 23% cooperazione internazionale e economia solidale; 10% ricerca, istruzione e formazione; 9% salute; 5% ambiente e animali; 4% arte e cultura; 4% protezione civile e emergenza; 4% tutela dei diritti e promozione della cittadinanza; 3% filantropia e promozione del volontariato; 2% altro disponibile solo per le cooperative; 1% sport, ricreazione e tempo libero.

Gli enti che hanno aderito hanno inoltre diverse dimensioni economiche: il 45% delle organizzazioni ha fatturato superiore ai 700mila euro, ma sono presenti anche organizzazioni con fatturato sotto ai 50mila (nella misura del 20%), a dimostrazione del fatto che le campagne natalizie sono un momento di raccolta fondi molto importante e su cui investono tutte le tipologie di enti.

Sono inoltre presenti organizzazioni da tutta Italia: Lombardia, Piemonte, Veneto e Lazio sono le regioni più rappresentative, ma gli enti provengono anche da Emilia Romagna, Toscana, Campania e Puglia.

Il prodotto con il valore più basso è di un euro, il bene con il valore più alto supera i 150 euro, mentre quello più ricorrente nella lista di eshop sono i biglietti di auguri, seguiti da gadget, addobbi natalizi e panettoni e pandori.

© Riproduzione riservata