Tecnologia

Chi fa carpooling taglia di 27 chili le sue emissioni. E migliora la…

  • Abbonati
  • Accedi
rapporto blablacar

Chi fa carpooling taglia di 27 chili le sue emissioni. E migliora la sicurezza

AP
AP

Chi fa carpooling taglia fino a 27 chilogrammi delle sue emissioni di CO2 annuali. È quanto emerge da Zero Empty Seats, il primo studio basato sui dati di utilizzo reali di BlaBlaCar, la community di carpooling più grande del mondo composta da 70 milioni di viaggiatori che percorrono insieme distanze medie di 300 km e nel 2018 hanno evitato l'emissione di 1,6 milioni di tonnellate di anidride carbonica. L'indagine, condotta dall'istituto francese Le Bipe, ha anche raccolto le risposte di 6.884 utenti di BlaBlaCar Francia (1.064 intervistati), Brasile (558), Germania (1.204), Italia (1.162), Polonia (679), Russia (674), Spagna (829) e Ucraina (714).

Oltre ai benefici ambientali, la ricerca rivela molti altri aspetti positivi del viaggio in condivisione, dalla sicurezza (il 22% dei conducenti BlaBlaCar ha dichiarato di ridurre la velocità quando ha altri passeggeri a bordo) all'abbattimento del traffico (l'occupazione media è di 3,9 passeggeri per auto contro gli 1,9 di chi non fa sharing).

Gli italiani, in particolare, sono tra quelli più influenzati nei loro comportamenti di viaggio dal sistema di carpooling. Nonostante l’occupazione media per auto di 3,38 persone/auto nel nostro paese mostri una propensione allo sharing del 13% inferiore alla media, BlaBlaCar ha invertito questo trend e gli utenti tricolori percorrono in media 292 km, ben più della media globale di 257 km. In più, senza la piattaforma che consente di organizzare i viaggi, il 75% dei conducenti italiani viaggerebbe comunque in auto, mentre solo il 25% di essi opterebbe per i trasporti pubblici.

L'azienda francese ora punta a farci tagliare 6,4 milioni di tonnellate di CO2 entro il 2023 (-400%) attraverso diverse strategie. La prima è la crescita diretta del network, ma non solo. Entro l'anno, inoltre, partirà anche in Italia la rete dei BlaBlaBus. Con un tasso di occupazione media del 60%, un bus emette, infatti, ancor meno CO2 per passeggero al chilometro rispetto al viaggio in auto (36 grammi di CO2 per passeggero/km, contro i 58 per passeggero/km del carpooling).

Infine, vedremo presto un nuovo algoritmo in grado di fornire un'esperienza “da porta a porta” tagliando l'uso di altri mezzi di trasporto e la diffusione di BlaBlaLines, servizio di carpooling per il pendolarismo attualmente attivo solo in Francia.

© Riproduzione riservata

>