ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùBorsa & Tlc

Telecom brilla sul Ftse Mib dopo svolta Enel su Open Fiber

di Stefania Arcudi

2' di lettura

Nell'ultima seduta della settimana, Telecom è la migliore sul FTSE MIB con un rialzo arrivato anche al 2,5%, sulle ali del Cda di Enel, che giovedì sera ha deciso di avviare le procedure per cedere al fondo australiano Macquarie un minimo del 40% e fino al 50% del capitale di Open Fiber, di cui Enel è socio paritetico con Cdp. Il prezzo per il 50% del capitale è di 2,65 miliardi, compresi i 270 milioni dello «shareholders loan» di pertinenza di Enel e di cui Macquarie si fa carico. Il via libera di Enel alla vendita della sua quota in Open Fiber rende più vicina la fusione con FiberCop, la società della rete secondaria dell’ex monopolista delle telecomunicazioni.

Anche se servirà ancora del tempo prima di arrivare alla chiusura dell'operazione (non troppo, perché Enel ha specificato che se la vendita non sarà chiusa entro il 30 giugno 2021, per ogni giorno eccedente, è prevista una sorta di interesse di mora del 9% calcolato su base annua) e se restano alcuni nodi ancora da sciogliere, secondo Equita, che sul titolo ha una view positiva, si tratta di «una notizia positiva per Enel, che mette fine a un lungo processo di negoziazioni e genera un capital gain significativo per il gruppo nell'ordine di 1,5 miliardi di euro in caso di cessione al 40% e di 1,95 miliardi in caso di cessione al 50%, o circa il 2% della market cap di gruppo». Secondo gli analisti, il capital gain «non genererà la distribuzione di dividendo straordinario, ma che verrà utilizzato per l'assorbimento di nuovi piani di efficienza, che forniranno a Enel un buffer significativo per i risultati dei prossimi anni».

Loading...

Ora si aprirà un'altra fase del processo, durante la quale dovranno essere definiti alcuni punti, per esempio Enel dovrà decidere se tenere o meno una quota: «Non è chiaro cosa Enel intenda fare con una potenziale quota residuale del 10%, se la venderà a Cdp, se deciderà di uscire in un momento successivo o se sceglierà di rimanere tra gli azionisti anche dopo la potenziale fusione di Open Fiber con FiberCop», scrive Banca Akros in una nota. Nel complesso, «la notizia è positiva, ma scontata dal mercato per i rumor infiniti degli ultimi tre mesi. Ci sono progressi positivi per Tim, perché almeno viene meno l'incertezza sulla posizione di Enel e non si vedono grandi criticità nelle condizioni», dicono gli analisti.

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti