ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùBorsa Madrid

Telefonica in rialzo con trimestre oltre le attese e conferma target 2022

Il gruppo ha chiuso i primi tre mesi dell’anno con un utile di 706 milioni di euro, sulla spinta della crescita del fatturato (+3,2% organico a 10,9 miliardi di euro)

di Giuliana Licini

2' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Telefonica brilla con un buon rialzo alla Borsa di Madrid, in controtendenza rispetto al malumore prevalente sul mercato, grazie ai conti trimestrali migliori delle attese e alla conferma degli obiettivi per l’esercizio 2022. Il titolo del gruppo spagnolo delle tlc attorno alle 11,40 segna un progresso del 3,2% a 4,807 euro, uno dei maggiori dell’indice Stoxx Europe 600 e al top dell’indice Ibex 35, che cede l'1,64 per cento. Telefonica ha chiuso i primi tre mesi dell’anno con un utile di 706 milioni di euro, sulla spinta della crescita del fatturato (+3,2% organico a 10,9 miliardi di euro), soprattutto in Brasile. Il dato è nettamente superiore alle stime degli analisti che si aspettavano in media un utile di 490 milioni, anche se è inferiore del 20,3% agli 886 milioni del primo trimestre 2021, che era stato sostenuto da effetti valutari particolarmente favorevoli. L’utile operativo ante svalutazioni e ammortamenti è migliorato del 2,1% a 3,7 miliardi.

Risultato in crescita soprattutto in Brasile

«Telefonica è riuscita a sormontare l’attuale scenario di pressioni inflazionistiche grazie alla crescita dei ricavi, l’efficienza del nuovo modello operativo e a una favorevole performance dei tassi di cambio», ha sottolineato la società in un comunicato. Telefonica aggiunge di essere sulla buona strada per il raggiungimento dei target annuali, ovvero una crescita dei ricavi e dell’utile operativo ante svalutazioni e ammortamenti nella parte bassa di una cifra. Più nel dettaglio dell'andamento trimestrale, il fatturato è aumentato a due cifre in Brasile (+18% su base storica) e in America Latina ispanica (+11%). La Spagna rappresenta il 28% dei ricavi del gruppo, l’America latina il 20%, il Brasile il 18% così come la Germania e il Regno Unito il 14%. A livello di redditività, la Spagna è prima con il 30% del totale, seguita dal Brasile e dalla Germania con il 16%. Telefonica mette in evidenza anche la riduzione del 23% dell’indebitamento, diminuito a 27,5 miliardi alla fine di marzo rispetto a un anno prima. Il gruppo è impegnato dalla fine del 2019 in un drastico riassetto delle attività, con l’obiettivo di concentrarsi sui mercati con maggiore potenziale, cioè Spagna, Regno Unito, Germania e Brasile. Questo ha portato lo scorso anno alla vendita della filiale nelle torri tlc Telxius alla American Tower Corporation per 7,7 miliardi di euro. A fine dicembre, Telefonica ha anche annunciato un piano di uscite volontarie di 2.700 persone in Spagna, pari al 15% dei dipendenti nel Paese, che è stato realizzato nel corso del primo trimestre.

Loading...
Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti