M&A

Tenaris, acquisizione da 1,2 miliardi negli Usa

di Carlo Festa


default onloading pic

1' di lettura

Tenaris si rafforza negli Stati Uniti grazie a un'importante acquisizione. Il gruppo italiano ha firmato un accordo definitivo per l'acquisizione dalla russa Pao Tmk della sua controllata statunitense Ipsco Tubulars per 1,2 miliardi di dollari al netto di cassa e debito. La valutazione include 270 milioni di dollari di capitale circolante. «Negli ultimi 15 anni abbiamo aumentato la nostra presenza manifatturiera e la nostra posizione sul mercato Usa - ha commentato il presidente e amministratore delegato, Paolo Rocca -. Questa acquisizione segna un passo ulteriore nel nostro viaggio come produttore domestico e fornitore dell'industria petrolifera statunitense».

L'operazione è soggetta al via libera delle autorità competenti, tra cui l'antitrust Usa. L'acquisizione rafforzerà la posizione di Tenaris negli Usa e la sua presenza come produttore locale sul mercato statunitense, estendendo l'offerta di prodotti ed espandendo i servizi». Nel dettaglio, la società otterrà «il primo stabilimento per la produzione di barre di acciaio negli Usa, a Koppel in Pennsylvania, e rafforzerà la capacità di produzione di tubi senza saldatura con lo stabilimento di Ambridge», sempre in Pennsylvania, che si aggiunge a quello di Bay City, in Texas.

Ipsco è un produttore locale Usa di tubi saldati e senza saldatura con una capacità annuale di 450mila tonnellate di barre di acciaio, 400mila tonnellate di tubi senza saldatura e un milione di tonnellate di tubi saldati.Dopo l'annuncio dell'acquisizione di Ipsco, i titoli di Tenaris sono scattati subito al rialzo, arrivando a segnare un guadagnano del 5%, attestandosi a 13,21 euro.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...