Oltre l’emergenza

Terremoto: via al piano da 1,3 miliardi per la ricostruzione delle scuole

In programma l'immediato rafforzamento e la ricostruzione di tutti gli istituti danneggiati dai terremoti nel Centro Italia del 2016-2017

di Redazione Scuola

3' di lettura

«Quest'anno abbiamo autorizzato 3 miliardi e 120 milioni per la messa in sicurezza e la riqualificazione delle scuole e per interventi a garanzia della didattica in presenza. Il Ministero ha avviato analisi specifiche e finanziato interventi su solai e controsoffitti. Abbiamo utilizzato tutti i fondi europei che avevamo a disposizione e stiamo predisponendo i bandi per le risorse del Pnrr: le scuole sono il centro del Paese». Lo ha detto il ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi aprendo la riunione dell'Osservatorio per l'edilizia scolastica, che si è svolta il 22 novembre al ministero, in occasione della Giornata nazionale per la sicurezza nelle scuole.

Cultura della sicurezza e prevenzione rischi è fondamentale

«Sviluppare una cultura della sicurezza e della prevenzione dei rischi è fondamentale – ha sottolineato il ministro –. La sicurezza a scuola deve essere declinata in tutte le sue dimensioni: significa vigilare sugli edifici esistenti, riqualificarli e progettare un'edilizia innovativa e sostenibile, ma anche creare le condizioni ambientali e pedagogiche per una scuola di qualità per tutte e per tutti in ogni parte del Paese. Una scuola sicura è una scuola che accompagna le nostre studentesse e i nostri studenti nel loro percorso di vita». Durante la riunione dell'Osservatorio, ha voluto ricordare le vittime degli incidenti avvenuti nelle scuole e ringraziare i partecipanti al tavolo per il costante lavoro che svolgono a tutela delle studentesse e degli studenti.

Loading...

I protocolli

La riunione dell'Osservatorio è stata, poi, l'occasione per presentare le linee di finanziamento per l'edilizia scolastica e gli investimenti in materia di infrastrutture previsti nel Pnrr. Ma anche per firmare il Protocollo per la programmazione degli interventi di riparazione, ripristino e ricostruzione degli edifici scolastici nei territori delle regioni Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria colpiti dagli eventi sismici a partire dall'agosto 2016. Il Protocollo è stato firmato dal ministro Bianchi e dal Commissario straordinario per la ricostruzione, Giovanni Legnini. Il ministero ha rinnovato anche il Protocollo di collaborazione con la Protezione civile, per favorire la diffusione della cultura e delle buone pratiche di prevenzione e l'adozione di comportamenti consapevoli sui rischi tra le nuove generazioni e il personale del mondo della scuola. Il documento è stato firmato nei giorni scorsi dal ministro Bianchi e dal Capo dipartimento della Protezione civile Fabrizio Curcio.

«Sicura solo se si ha cura»

In occasione della Giornata nazionale per la sicurezza nelle scuole, il ministero ha poi lanciato, nei giorni scorsi, il contest “Sicura solo se si ha cura”, una campagna per sensibilizzare studentesse, studenti e personale scolastico sul tema della cultura della sicurezza negli istituti, della prevenzione dei rischi e della cura per gli spazi che si vivono. Le scuole sono state invitate a pubblicare, fino al prossimo 26 novembre, contenuti social sulla loro idea di sicurezza a scuola utilizzando l'hashtag #scuolasicura. Alcune delle ragazze e dei ragazzi che hanno inviato i loro contenuti hanno incontrato il Bianchi e i rappresentanti del ministero.

Il piano

Questo, nel dettaglio, il piano da un miliardo e 300 milioni di euro per l'immediato rafforzamento e la ricostruzione di tutti gli istituti danneggiati dai terremoti nel Centro Italia del 2016-2017, il primo programma in assoluto che copre in maniera sistematica tutti gli edifici scolastici del territorio. L’accordo è di collaborazione e coordinamento delle attività per inquadrare tutti gli interventi necessari, che riguarderanno circa 450 plessi scolastici in Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria.

Il censimento

Accanto alle 250 scuole del cratere che erano già oggetto di un finanziamento di 624 milioni di euro per la ricostruzione o la riparazione dei danni post sisma, il censimento condotto presso tutti i Comuni delle quattro regioni ha fatto emergere altri 190 istituti che necessitano di interventi di riparazione e ricostruzione, per un importo di ulteriori 650 milioni di euro, di cui una parte messi a disposizione dal ministero. A dare corpo ai nuovi interventi, ed accelerare quelli già in corso, sarà un'ordinanza speciale - fa sapere la struttura commissariale - che prevede l'utilizzo di poteri in deroga alla normativa per un'esecuzione più celere delle opere necessarie, già predisposta e che Legnini sottoporrà nei prossimi giorni all'approvazione della Cabina di coordinamento sisma.

Scuola, tutti gli approfondimenti

La newsletter di Scuola+

Professionisti, dirigenti, docenti e non docenti, amministratori pubblici, operatori ma anche studenti e le loro famiglie possono informarsi attraverso Scuola+, la newsletter settimanale de Il Sole 24 Ore che mette al centro del sistema d'istruzione i suoi reali fruitori. La ricevi, ogni lunedì nel tuo inbox. Ecco come abbonarsi

Le guide e i data base

Come scegliere l’Università e i master? Ecco le guide a disposizione degli abbonati a Scuola+ o a 24+. Qui la guida all’università con le lauree del futuro e il database con tutti i corsi di laura

Lo speciale ITS

Il viaggio del Sole 24 Ore negli Its per scoprire come intrecciare al meglio la formazione con le opportunità di lavoro nei distretti produttivi delle eccellenze del made in Italy. Tutti i servizi


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter Scuola+

La newsletter premium dedicata al mondo della scuola con approfondimenti normativi, analisi e guide operative

Abbonati