strumenti digitali

Terzo settore, una guida online per orientarsi nella riforma

Dalla raccolta fondi alla fiscalità, Italia Non Profit lancia uno strumento per orientarsi al servizio degli enti che stanno affrontando le nuove regole

di A.Mac.

default onloading pic
(ANSA)

Dalla raccolta fondi alla fiscalità, Italia Non Profit lancia uno strumento per orientarsi al servizio degli enti che stanno affrontando le nuove regole


4' di lettura

Nei primi mesi del 2021, oltre 70mila enti approderanno nel Registro unico del terzo settore e prenderà davvero avvio l'avventura di una Riforma del terzo settore che dovrebbe dare un impulso allo sviluppo del non profit in Italia. Proprio per aiutare gli enti e gli operatori del terzo settore a prepararsi al passaggio, Italia non profit, in partnership con Fondazione Cariplo, rende disponibile gratuitamente online la Guida alla Riforma 3.0 che è facilmente navigabile online.

La nuova versione della guida intende orientare e supportare chi lavora nel terzo settore a capire e comprendere la portata del cambiamento, rendendo facili e accessibili materie complesse e aiutando gli amministratori del non profit - soprattutto i volontari non professionalizzati che sono la maggioranza - a districarsi tra le norme.Il portale darà ampio spazio alla voce delle fondazioni di comunità, in quanto il loro coinvolgimento potrà rendere più capillare l'utilizzo di questo strumento anche da parte degli enti meno strutturati, che di solito hanno maggiore difficoltà ad adempiere alle richieste previste dalla Riforma e a capire le sue potenzialità.

Loading...

La Riforma del Terzo Settore è stata suddivisa in comode e aggiornate playlist - ispirandosi ad una fruizione rapida e agevole, stile Netflix, Spotify, capace di incontrare l'utente con i suoi linguaggi, prenderlo per mano e guidarlo passo passo nel complesso impianto normativo senza che se ne accorga.

La Guida alla Riforma 3.0 è un progetto digitale con best practice di divulgazione e accessibilità per il Terzo Settore e per il sistema Paese.L'utente diventa protagonista In questa nuova versione l'utente diventa il protagonista indiscusso. Sulla base delle proprie esigenze, degli interessi e delle tipologie di organizzazione e del livello di conoscenza della normativa, la sezione si adatta alla persona suggerendo percorsi di lettura o singoli articoli per approfondire e orientarsi.

Esistono 3 navigazioni possibili ed è il navigante a scegliere: 1) livello di difficoltà e status (navigante alle prime armi, professionista esperto, ente in costituzione, impresa sociale, Odv, Aps consolidate, etc.), 2) interessi specifici (fiscalità, raccolta fondi, filantropia, amministrazione e norme, etc.), 3) trend topic.

La norma diventa navigabile

Altra importante innovazione è quella legata alla possibilità di “navigare” la norma. Tutto quello che è stato pubblicato negli ultimi anni in Gazzetta Ufficiale, assieme a decreti e provvedimenti, è ora a portata di clic. Inoltre, il visitatore che ha la necessità di ritrovare tutti i riferimenti per un determinato tema – come ad esempio le agevolazioni fiscali – può utilizzare i tag o fare una ricerca libera in tutta la giurisprudenza e trovare immediatamente tutti gli articoli, i provvedimenti o i decreti che trattano quel determinato argomento. Sono stati inseriti e resi navigabili oltre 80 tra leggi e documenti di prassi dei diversi ministeri.

Le sezioni della Guida alla Riforma 3.0

Per offrire una consultazione semplice ed efficace la Guida è stata organizzata in diverse sezioni tra cui:

Domande e Risposte: la sezione offre oltre 60 risposte a dubbi molto concreti in merito alla Riforma del Terzo Settore che negli anni persone e organizzazioni hanno rivolto a Italia non profit.

Istruzioni per l'uso: una raccolta di articoli con indicazioni step-by-step su applicazioni e procedure di adeguamento introdotte con la Riforma. Si tratta di articoli che – se letti in sequenza – offrono una corretta panoramica del tema trattato.

Temi popolari: raccolta di articoli dedicati alle tematiche più importanti. Qui l'utente trova in un colpo solo tutte le cose che deve assolutamente sapere.

Leggi: motore di ricerca all'interno delle norme della Riforma. Attraverso la ricerca libera, o la navigazione per tematiche è possibile filtrare i contenuti e mostrare un'anteprima delle norme che trattano tale argomento.

Materiali Utili: area riservata con raccolte e contenuti esclusivi, in formato pdf e facilmente scaricabili

A disposizione degli utenti del sito vi sono oltre 40 approfondimenti, contributi di riflessione da parte di: Luigi Bobba, Gabriele Sepio, Flaviano Zandonai, Paolo Venturi, Nicola Bedogni, Carlo Mazzini e molti altri, oltre 20 guide, 30 definizioni, percorsi di lettura per esperti e non, glossari e acronimi.

«La piattaforma non è solo il risultato di un imponente sforzo informativo e chiarificatore sul tema ma il punto di partenza di un progetto editoriale digitale pensato per essere gratuito, accessibile a tutti e in aggiornamento: un laboratorio collettivo in divenire, come in divenire sono i fabbisogni formativi e informativi di chi opera nel Terzo Settore» spiega Giulia Frangione, amministratore delegato di Italia non Profit. «Per questo rilasceremo nei prossimi mesi ulteriori sezioni e contenuti, alla luce delle ricerche più frequenti e delle richieste delle persone, come giusto che sia in una dimensione dialogica con gli utenti» continua Frangione.

«La Guida alla Riforma si rivelerà tanto importante quanto più sarà utile alle persone che operano nel settore e che interagiscono con esso: ogni risposta data, ogni dubbio risolto, ogni indicazione preziosa ad approfondire, ogni link alla corretta lettura della norma, e ogni confronto coi problemi degli Ets simili al proprio, saranno la cifra (e il senso) di questo sforzo che è prima di tutto a beneficio di chi - più che mai in questo periodo, fra ostacoli e burocrazie - contribuisce in misura essenziale al benessere del Paese» conclude Frangione.

«Offrire attraverso il portale contenuti di qualità, pareri di esperti autorevoli e modalità operative concrete darà la possibilità di orientarsi e di sfruttare al meglio le opportunità aperte da questa Riforma, ma anche di capire meglio gli aspetti più ostici - aggiunge Andrea Trisoglio, coordinatore del Progetto Fondazioni di Comunità di Fondazione - Il portale aiuterà le Fondazioni di Comunità a dialogare anche con gli enti, che normalmente si riferiscono ad esse, e che possono avere difficoltà ad adempiere alle richieste previste dalla Riforma e a capire le sue potenzialità».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti