tassi ultra-bassi

Tesoro Usa verso emissione titoli a 50 anni. Il deficit supera i mille miliardi - I bond «Matusalemme»

Un passo che intende consentire all'amministrazione di Donald Trump di trarre vantaggio da tassi di interesse ultra-bassi

di Marco Valsania


default onloading pic
(Marka)

2' di lettura

NEW YORK - Il Tesoro americano sta “seriamente considerando” l'emissione di titoli obbligazionari con scadenza a 50 anni da effettuare l'anno prossimo. Un passo che intende consentire all'amministrazione di Donald Trump di trarre vantaggio da tassi di interesse ultra-bassi, in modo da alleggerire il crescente peso dell'indebitamento pubblico.

L'idea non è nuova ma finora era rimasta lettera morta. Il mese scorso il Tesoro aveva fatto sapere di voler esaminare obbligazioni che andassero oltre i trentennali e quell'ipotesi era stata avanzata concretamente e poi ritirata nel 2017. L'urgenza accanto all'opportunità adesso potrebbero però far siìche si realizzi. Soltanto nelle ultime ore Trump, accanto a continui attacchi alla Federal Reserve invitata tagliare ancora e drasticamente i tassi di interesse, ha suggerito proprio un “rifinanziamento” del debito americano, che ha ormai superato i 22.500 miliardi di dollari.

È stato anche rivelato che il deficit dell'ultimo anno fiscale ha raggiunto in agosto, vale a dire in undici mesi, i mille miliardi di dollari, il livello piu' elevato dal 2012. La cifra esatta del deficit di bilancio è di 1.070 miliardi.

«È qualcosa di cui ho parlato negli ultimi due anni», ha detto il Segretario al Tesoro Steven Mnuchin parlando al canale finanziario Cnbc dei nuovi bond a 50 anni. «È qualcosa che stiamo seriamente considerando. Stiamo guardando alla possibilita' di emettere un titolo a 50 anni, quello che chiamiamo una obbligazione «ultra-long». Crediamo esista domanda per questo titolo ed è qualcosa che esamineremo seriamente per il prossimo anno». Al momento il titolo del Tesoro a scadenza piu' “lontana” è il trentennale.

Mnuchin ha ammesso che esistono ostacoli da superare, citando «questioni tecnologiche e di mercato». Ma ha sottolineato come importante l'obiettivo di un ampliamento della capacità di indebitamento degli Stati Uniti e di un suo de-risking attraverso una simile manovra. Il costo del servizio del debito è tra le voci in maggior ascesa dell'intera spesa federale: i pagamenti da interessi sono lievitati del 10% nell'anno fiscale in corso, pari a 497,2 miliardi di dollari nei dieci mesi a luglio - 1,6 miliardi al giorno.

Gli Stati Uniti, oltretutto, non sono soli nella marcia verso titoli ultra-long. Più di una dozzina di Paesi si è mossa in questa direzione, ideando emissioni con scadenze tra i 40 anni e i cento anni. Il Canada, in particolare, ha lanciato un titolo a 50 anni nel 2014, mentre Messico, Belgio e Irlanda hanno offerto bond a cento anni. Numerose grandi aziende, nella corsa alle obbligazioni a “basso costo”, hanno a loro volta fatto debuttare bond a cento anni.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...