ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùSostenibilità

Tessile, nel laboratorio di Albini i colori sono amici della natura

Dentro Kilometro rosso nel centro di ricerca del gruppo bergamasco la contaminazione di visioni e competenze per creare processi e materiali: i primi traguardi sulla pigmentazione green

di Giulia Crivelli

4' di lettura

«Quante volte ci siamo detti o abbiamo sentito affermare che dalla pandemia avremmo tratto lezioni importanti e che mai più avremmo dimenticato di dipendere gli uni dagli altri e che il nostro futuro è legato alla collaborazione e all’ascolto, oltre che alla comprensione della complessità del mondo post-globalizzazione?».

A farsi questa domanda è Stefano Albini, alla guida del gruppo tessile di famiglia, tra i più importanti in Europa e leader assoluto nei tessuti per camicie. Purtroppo la risposta è che nel 2020 e in parte nel 2021 sembrava davvero che dopo il Covid molte cose sarebbero cambiate in meglio. È presto per dire se sarà così, anche perché dopo la pandemia è arrivata l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia e tutte le tensioni geopolitiche che vediamo e viviamo. «Il progetto Albini_next nacque nel 2019, ma quello che è successo l’anno successivo non ci ha fermati, anzi – spiega Stefano Albini –. Nei momenti di crisi, personali, aziendali o addirittura mondiali, l’unica cosa che può fare andare avanti è immaginare il futuro. Anzi, sognarlo: oggi dobbiamo cercare tutti di avere una visione più sostenibile di quello che facciamo ogni giorno: vale per gli individui, per le imprese, per i Paesi. E tutto passa per la ricerca, gli investimenti economici ma anche personali: bisogna avere il coraggio di abbracciare un pensiero a metà tra il magico e il laterale».

Loading...

Albini_next si trova all’interno di Kilometro Rosso, non è parte integrante della sede principale del gruppo bergamasco, che è ad Albino, all’imbocco della val Seriana. «Non è una scelta casuale: Kilometro Rosso ovviamente è un luogo ideale, una sorta di serra perfetta per far germogliare idee e creare legami tra mondo della ricerca e delle aziende – precisa Albini –. Ma era importante anche mettere un po’ di distanza fisica tra la nostra sede e questi laboratori: ad Albino ricerca significa soprattutto creatività e messa a punto delle nuove collezioni di tessuti, senza ovviamente escludere innovazioni di processo. Ma Albini_next va oltre, allarga gli orizzonti dell’idea stessa di ricerca: non escludiamo neppure che nascano progetti che non hanno un’applicazione o un’utilità diretta per il nostro gruppo. L’importante è fare da catalizzatore di energie e attrarre talenti da tutto il mondo».

Il gruppo Albini è da sempre all’avanguardia nella sostenibilità ambientale e sociale e ha iniziato una transizione verso fonti di energia rinnovabile molto prima che venissero introdotti i vari obiettivi nazionali ed europei. «La sostenibilità però è un percorso, un impegno che non potrà mai finire, anche perché il tessile-moda-accessorio è un sistema che consuma molte risorse, energetiche e non solo – aggiunge Stefano Albini –. Le giovani generazioni sono attentissime a questi temi, esigono impegno, trasparenza e certificazione delle promesse che si fanno. E quindi i nostri clienti diretti, le aziende che producono abbigliamento e accessori, a loro volta ci chiedono sempre più impegno e trasparenza»,

Dal 18 al 24 aprile Albini ha aderito all’edizione 2022 della campagna di sensibilizzazione #whomademyclothes (letteralmente: chi ha fatto i miei vestiti), lanciata da Fashion Revolution, movimento internazionale che ha l’obiettivo di rendere l’industria della moda più sostenibile e trasparente. Tema di quest’anno era Money Fashion Power, che racchiude l’invito a tutte le aziende di creare un nuovo circolo virtuoso che non sia vincolato da logiche di sfruttamento del lavoro e delle risorse e non sia sollecitato solo ed esclusivamente dal profitto.

Su tutti i canali social del gruppo alcuni dipendenti di Albini hanno raccontato la loro storia e come si svolge il lavoro all’interno di un’azienda tessile. «La rivoluzione digitale ci fornisce tanti strumenti, sta a noi usarli bene e le campagne di questo tipo sono molto positive, perché raggiungono tantissime persone in pochissimo tempo – nota Stefano Albini –. I progetti che hanno già visto la luce in Albini_next e quelli che verranno sono affascinanti, credo, perché mostrano che davvero si possono innescare circoli virtuosi».

I primi traguardi raggiunti da Albini _next (si veda anche Lombardia del 1° aprile) riguardano nuovi coloranti: tra i progetti ai quali Stefano Albini tiene di più – vista anche l’enorme diffusione dell’abbigliamento in denim nel mondo – c’è la collaborazione, avviata nel 2020, con Stony Creek Colors, un produttore americano d’indaco naturale, ottenuto grazie a innovativi metodi di agricoltura sostenibile e di ingegneria chimica. Stony Creek Colors produce l’unico indaco al mondo 100% plant-based, certificato dall’Usda (il ministero americano dell’agricoltura). «Tutti i nuovi coloranti o i nuovi tessuti che usiamo o produciamo, come quello nato dalla collaborazione con Riso Gallo, devono puntare ad avere la stessa qualità di quelli tradizionali. I nostri creativi devono avere gli stessi strumenti per dar vita a nuove collezioni, i consumatori meritano gli stessi standard qualitativi e, possibilmente, a prezzi non troppo diversi. È questa la sfida ed è importante considerare la sostenibilità un investimento, non un costo», conclude Stefano Albini.

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti