benessere

The Merchant of Venice cresce e punta sulle Spa di lusso

di Katy Mandurino

3' di lettura

Ciò che salta subito agli occhi, scorrendo le numerose iniziative di Mavive, è la vivacità con cui questa azienda veneziana di prodotti per la cura della persona sta posizionando il suo business. Dal 1987, anno in cui Massimo Vidal ri-fonda la storica azienda familiare Vidal Profumi, Mavive non significa solamente Pino Silvestre, ma anche, negli anni, le profumazioni Police, Zippo, Replay, Manila Grace, The Merchant of Venice (in licenza), Monotheme (di proprietà), 4711, Tabac, Carven, Brioni e le linee di skincare Methode Jeanne Plaubert e Stendhal (in distribuzione esclusiva sul mercato italiano).

Spa di lusso per The Merchant of Venice al San Clemente Palace Kempinski

Spa di lusso per The Merchant of Venice al San Clemente Palace Kempinski

Photogallery5 foto

Visualizza

L’interesse del board aziendale, guidato dalla terza e quarta generazione dei Vidal, ha poliedriche facce: dalla collaborazione con la Fondazione Musei Civici di Venezia, che ha portato alla creazione del primo museo stabile del profumo in Italia a Palazzo Mocenigo, a testimonianza del forte legame di questa azienda con la città lagunare, alla recente collaborazione con l’azienda tedesca Drom Fragances, sfociata, proprio a Palazzo Mocenigo, nella realizzazione della mostra Cabinet of curiosities, collezione privata di flaconi; fino al lancio della limited edition del 4711 Original Eau de Cologne, in occasione del 225esimo anniversario della nascita dell’acqua di Colonia, che viene identificata con il numero 4711 dal civico in Glokengasse dove si trova l’edificio della città tedesca che fu la prima sede della fabbrica del profumo.

Loading...

Tra le ultime iniziative, spicca quella che riguarda la creazione della linea di prodotti per la Spa: oli per trattamenti e massaggi creati con il marchio The Merchant of Venice seguendo antiche ricette orientali importate nel corso dei secoli nella città lagunare dai suoi mercanti. Proprio all’interno di quest’ultimo segmento di business, Mavive ha pensato di creare anche la prima Spa targata The Merchant of Venice. Lo ha fatto in un contesto d’eccezione, ovvero all’interno e grazie alla collaborazione del San Clemente Palace Kempinski, resort di super-lusso che occupa l’intera isola veneziana di San Clemente.

«È la nostra prima Spa ed è una evoluzione naturale del nostro lavoro - spiega Marco Vidal, amministratore delegato di The Merchant of Venice e consigliere di Mavive -. Per questo progetto, grazie ad una partnership con il gruppo Kempinski che ci ha fornito gli spazi, abbiamo curato il concept, l’allestimento e la formazione del personale. Ma già stiamo pensando di coinvolgere altri gruppi alberghieri. Quest’anno siamo già partiti con un progetto hospitality che prevede anche i prodotti per le camere d’albergo e per il quale abbiamo coinvolto il gruppo Belmond Cipriani, Ca' Sagredo, e stiamo definendo accordi nazionali e internazionali, anche con un gruppo asiatico».

La Spa del San Clemente Kempinski, 380 metri quadri complessivi, propone una chicca assoluta: il trattamento anti-age e rigenerante con la maschera d’oro. Si tratta di una maschera che prevede l'applicazione di 11 fogli sottilissimi d’oro purissimo 24 carati - il costo è di 210 euro ad applicazione - forniti direttamente da un marchio artigianale veneziano dell’oro, la Mario Berta Battiloro, che lavora il metallo fin dal 1926 sia per usi decorativi che, più recentemente, per usi cosmetici e alimentari. «Vogliamo sostenere il lavoro delle aziende locali»- ha spiegato Vidal, che vende il trattamento anche in Qatar e negli Emirati Arabi.

Il gruppo Mavive, dopo un 2016 chiuso con 30,4 milioni di ricavi, in aumento del 15% rispetto ai 26,5 milioni del 2015, archivia i primi sei mesi del 2017 con una crescita del 20% per quanto riguarda l’export. Molte bene, a livello internazionale, sta andando il marchio The Merchant of Venice, il cui fatturato proviene per il 92% dall’estero, che prevede entro il 2017, l’apertura di cinque nuovi monomarca: due a Dubai, uno ad Abu Dhabi, uno a Teheran, uno a Santiago del Cile. In Cina Merchant of Venice sta partendo con un triplo progetto: una partnership con una catena alberghiera di lusso, un piano distributivo nelle profumerie e un progetto culturale che prevede nel 2018 l'allestimento di una mostra su Venezia e i suoi profumi all’interno dello spazio museale di 4mila metri della Shanghai Tower.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti