I LIBRI DEL SOLE 24 ORE

«The stone, la settima pietra» di Guido Sgardoli

Il volume, vincitore del Premio Strega Ragazze e Ragazzi 11 + del 2019, sarà in edicola con «Il Sole» da sabato 30 maggio

di Sara Sesia

default onloading pic
Guido Sgardoli, «The stone, la settima pietra»

Il volume, vincitore del Premio Strega Ragazze e Ragazzi 11 + del 2019, sarà in edicola con «Il Sole» da sabato 30 maggio


2' di lettura

I versi di Massimo Bubola riecheggiano come una intro perfetta al romanzo di Guido Sgardoli, The Stone, la settima pietra: «Il cielo d’Irlanda si sfama di muschio e di lana/ Il cielo d’Irlanda si spulcia i capelli alla luna/ Il cielo d’Irlanda è un gregge che pascola in cielo/ Si ubriaca di stelle di notte e il mattino è leggero».

E proprio questo cielo proteggerà come un manto, capriccioso e imprevedibile, nero di cornacchie, rosso di presagi o azzurro di scintillante protezione, Lavermoir, una piccola isola al largo della costa irlandese. La vita lì scorre banale e prevedibile, finché una serie di inspiegabili e sinistri eventi segna la vita del tredicenne Liam e di tutta la piccola comunità. Un romanzo denso di nomi e situazioni, che si inscrive perfettamente nel solco della mitologia norrena, quando nella battaglia finale del Ragnar i lupi Skoll e Hati riusciranno a privare il mondo della luce. La Terra cadrà così in una tenebra eterna, le stelle bruceranno e cadranno dal firmamento, mentre i naviganti si troveranno a vagare nell’immensità degli oceani in cui ogni luce è ormai scomparsa. L’autore delinea l’isola di Lavermoir come se fosse un ulteriore personaggio, ambiguo nella sua potenza, in cui il Male si nasconde nella banale semplicità delle vite di pescatori e piccoli commercianti, stagliandole come ombre nette contornate dalle meschinità che le muovono. L’isola irlandese diviene così il prototipo di una qualsiasi provincia in cui si vive sotto lo sguardo mellifluo dell’altro. L’omaggio a Stephen King è evidente nella seconda parte del volume, come quello a Twin Peaks, dove il grottesco si inserisce come l’elemento stilistico che permette ai lettori di entrare nelle vite altrui senza subirle. Il libro si apre con un ricordo, una frase del nonno di Liam: «Le pietre hanno memoria, Liam. Le pietre non dimenticano. Mai».

E saranno le pietre a permettere al ragazzo e ai suoi tre amici di mettere insieme i frammenti di vicende apparentemente insensate, salvando, in parte, la piccola comunità da se stessa e regalando a chi legge una scintilla azzurra di speranza in questa lotta che ci appartiene tutti, perché «così come esiste il Male, allo stesso modo esiste il Bene. Essi si contrappongono da sempre, secondo un ordine cosmico».

COME ACQUISTARLO SU SHOPPING 24

The stone, la settima pietra, Guido Sgardoli, vincitore del Premio Strega Ragazze e Ragazzi 11 + del 2019, sarà in edicola con «Il Sole» da sabato 30 maggio

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti