FIRMATA LA JOINT-VENTURE

Thyssenkrupp-Tata Steel: nasce il nuovo gigante europeo dell’acciaio

2' di lettura

È nato il secondo gruppo europeo dell’acciaio dopo ArcelorMittal. La tedesca Thyssenkrupp e l’indiana Tata Steel hanno infatti firmato venerdì sera l’accordo finale per la creazione di una joint-venture che segna la più grande trasformazione societaria nel panorama siderurgico europeo dell’ultimo decennio dopo l’acquisizione di Arcelor da parte di Mittal nel 2006.

La neonata società paritetica avrà sede in Olanda, si chiamerà Thyssenkrupp Tata Steel, avrà 48mila dipendenti e un fatturato annuo di 17 miliardi di euro. L’accordo finale è stato raggiunto dopo mesi di negoziati, l’intesa preliminare infatti era stata annunciata lo scorso settembre. «La joint-venture - ha commentato l’amministratore delegato di Thyssenkrupp Heinrich Hiesinger - è l’unica soluzione capace di creare un valore aggiunto di 5 miliardi euro per entrambe le società grazie alle sinergie che faremo».

Loading...

L’accordo arriva in un momento particolarmente delicato per l’industria europea dell’acciaio, alle prese con i dazi del 25% imposti dal primo mercato dell’export siderurgico Ue, gli Stati Uniti. Da quando sono stati annunciati, tutti i titoli delle compagnie europee del settore hanno perso quota in Borsa.

Thyssenkrupp ha dichiarato che si è riservata il diritto di decidere quando la nuova entità potrà quotarsi in Borsa. Rispetto al momento della firma del memorandum del 2017 «il diverso sviluppo delle prestazioni di Thyssenkrupp Steel Europe e Tata Steel Europe ha portato a una differenza di valutazione tra le due entità», l'accordo definitivo prevede quindi «un adeguato risarcimento di questo divario»: nel caso di un Ipo «Thyssenkrupp riceverà una quota maggiore del ricavato, riflettendo un rapporto economico di 55/45» a suo favore.

L'operazione «crea valore» per entrambe le parti, sottolineano le due società, che si attendono sinergie per 400-500 milioni di euro ed una buona ottimizzazione del capitale operativo. Il prezzo da pagare in termini di occupazione sarà «una razionalizzazione della forza lavoro negli anni a venire fino a 4.000 posti». Inoltre, «la rete di produzione completa sarà rivista a partire dal 2020 con l'obiettivo di integrare e ottimizzare la strategia di produzione per l'intera joint
venture».
La joint venture sarà gestita come un'unica attività integrata attraverso una holding con sede nella regione olandese di Amsterdam.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti