New York

Tiepolo da record e i grandi maestri della pittura italiana da Sotheby’s

Un ricco catalogo d'asta serale rincuora il mercato dei dipinti antichi; un disegno di Mantegna supera i 10 milioni di dollari

di Giovanni Gasparini


default onloading pic

3' di lettura

Giornata memorabile per la pittura classica a New York il 29 gennaio, grazie a due cataloghi proposti da Sotheby's che hanno portato risultati record a testimoniare la vivacità di un mercato spesso dato per morto, e che a dicembre a Londra aveva mostrato gravi segni di affaticamento.
Non è stato così per il catalogo di lavori su carta proposto nella mattinata e quello di dipinti in serata, che con un ricavo di 61 milioni di dollari rappresenta uno dei migliori risultati dell'ultimo decennio.
Il risultato è dovuto ad una combinazione di grandi nomi che hanno fatto la storia dell'arte fra il Quattrocento e l'Ottocento come i veneziani Tiepolo e Canaletto, Mantegna, per continuare con Rubens e Goya, e lavori particolarmente appetibili per qualità, rarità e dimensioni.

Il disegno di Mantegna
La giornata è iniziata nel migliore dei modi con l'aggiudicazione di un rarissimo lavoro su carta di importanza storica di Andrea Mantegna, che è passato di mano dopo un solo rilancio a 11,7 milioni di dollari con le commissioni, uno dei prezzi più elevati in assoluto per un lavoro su carta preparatorio di una serie di tele sul «Trionfo di Cesare» ora parte della collezione reale inglese. Il disegno a inchiostro e matita era uno dei soli due ancora in mani private; la sua rarità assoluta e la relazione con un lavoro di provenienza regale spiegano ampiamente il risultato record per un disegno compiuto dai soggetto tipicamente Rinascimentali, raffigurante il Trionfo di Alessandria.
Il catalogo di lavori su carta ha portato in totale oltre 15 milioni di dollari di ricavo, grazie anche ad una «Madonna con Bambino» di un'altra ‘firma' italiana, il Pintoricchio, il cui disegno ha superato la stima fermandosi a 920mila di dollari .

Successo per i maestri italiani in asta a New York

Successo per i maestri italiani in asta a New York

Photogallery7 foto

Visualizza

Record per Tiepolo
Si è dovuto pazientare fino al 60° lotto per conoscere la sorte del lavoro più importante dell'asta serale, una grandiosa pala d'altare dipinta da Giovanni Battista Tiepolo nel 1735 raffigurante la «Madonna de Rosario con Angeli», un'imponente figura femminile dai panneggi rosso martirio a grandezza naturale, inquadrata in una tela di quasi tre metri d'altezza.
Le dimensioni monumentali e il soggetto religioso non sembrano aver scoraggiato il compratore, certamente attratto dalla rarità dell'opera e disposto a spendere ben 17,3 milioni di dollari, oltre il doppio del record precedente per l'artista veneziano.
Sempre in ambito della Venezia dei Dogi, una classica veduta di Canaletto a partire dalla Chiesa della Salute è stata contesa fino a superare la stima di 3-5 milioni per fermarsi a 5,3 milioni di dollari con le commissioni, grazie anche alla prestigiosa provenienza dal Metropolitan Museum di New York.

Due Rubens milionari
In precedenza, l'asta aveva già avuto modo di aggiudicare diversi dipinti milionari, fra cui spiccano due lavori di Rubens per un totale di 9,4 milioni di dollari. Si tratta di una composizione religiosa recentemente attribuita al Maestro che si è fermata a metà della stima di 6-8 milioni a 7,1 milioni di dollari con le commissioni, mentre un'«Ultima Cena en grisaille» ha superato la stima di 1,5-2 milioni per fermarsi a 2,3 milioni di dollari.
A completare il novero dei grandi nomi con realizzi milionari vi è stato uno schizzo ad olio di Goya raffigurante Annibale, che ha raddoppiato la stima a 1,8 milioni di dollari.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...