private equity

Tikehau Capital entra nel capitale di Assiteca

L'asset manager paneuropeo guidato in Italia da Luca Bucelli ha siglato un accordo per l'acquisizione del 23,43% del più grande broker assicurativo italiano. Le risorse per acquisizioni

di Carlo Festa

default onloading pic

L'asset manager paneuropeo guidato in Italia da Luca Bucelli ha siglato un accordo per l'acquisizione del 23,43% del più grande broker assicurativo italiano. Le risorse per acquisizioni


2' di lettura

Il gruppo finanziario francese Tikehau Capital entra nel broker assicurativo Assiteca. L'asset manager paneuropeo guidato in Italia da Luca Bucelli ha siglato un accordo per l'acquisizione del 23,43% di Assiteca, il più grande broker assicurativo italiano e quotato al mercato Aim di Borsa Italiana con un investimento di 25 milioni di euro, tramite sottoscrizione di un aumento di capitale riservato (a 2,5 euro per azione). Si diluirà dunque il fondatore e presidente Luciano Lucca. Alcuni membri di Tikehau entreranno nel Cda del gruppo guidato da Gabriele Giacoma.

Le risorse serviranno ad Assiteca per sviluppare il piano di crescita per acquisizioni di aziende terze nel settore assicurativo. L’operazione che sarà finalizzata a novembre è stata seguita dal manager Roberto Quagliuolo, che si occupa delle attività di private equity di Tikehau in Italia e verrà realizzata attraverso il fondo dedicato agli investimenti di minoranza a sostegno della crescita Tikehau Growth Equity II.

Loading...

Assiteca è un gruppo fondato da Luciano Lucca negli anni 90. Si trattò di uno dei primi management buyout dove a supporto del manager arrivò il sostegno economico del fondo 3i. Ha circa 4200 aziende clienti ed è focalizzata sul ramo danni. Il bilancio al 30 giugno verrà presentato in settembre, ma secondo gli ultimi dati disponibili ha un giro d’affari di 60-70 milioni con un ebitda di 9 milioni: quest’anno dovrebbe invece assestarsi a 10-11 milioni. La società in questi anni è cresciuta per acquisizioni (8 dal 2001). Prima dell’ingresso di Tikehau , Lucca controllava l’80 per cento, mentre il restante 20% era flottante. Dopo l’ingresso del private equity transalpino, invece, Lucca si diluirà al 60% circa, Tikehau avrà il 23,43% e il mercato il restante 16 per cento.

LEGGI ANCHE / Boom del private equity in Europa, l'alternativa alle Borse

La quotazione in Borsa, malgrado il basso flottante, sarà di aiuto per le future acquisizioni, che potranno avvenire sia cash (con le risorse di Tikehau) sia tramite carta. Inoltre la società starebbe pensando a un possibile trasferimento, dall’Aim all’Mta.

Del resto, il mercato dei broker assicurativi resta frammentato: in Italia ci sono 2500 broker, grandi e di piccole dimensioni. Il gruppo Aon possiede una quota di mercato di circa il 16%, seguito da Marsh con il 10% e appunto da Assiteca con il 6%. Segue il gruppo Willis con il 5 per cento. Sotto questi 4 broker il mercato italiano è molto frammentato e, in questo universo, Assiteca guarderà per le future acquisizioni, già in pipeline.

Tikehau potrà portare le sue conoscenze del settore, visto che in Francia ha già fatto acquisizioni nel settore. Inoltre il colosso degli investimenti francese potrà apportare le sue conoscenze nelle assicurazioni in Europa: infatti la strategia di Assiteca punta anche a un’espansione europea, in particolare sui mercati transalpino e spagnolo.

Per Tikehau si tratta infine della seconda operazione di private equity in Italia a distanza di poco tempo, dopo aver acquisito il 19% di Dovevivo investendo 29 milioni il 31 luglio scorso. Assiteca è stata assistita nell’operazione dallo studio legale Gianni, Origoni, Grippo, Cappelli, mentre Tikehau è stata assistita dallo studio legale Gattai, Minoli, Agostinelli & Partners.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti