AnalisiL'analisi si basa sulla cronaca che sfrutta l'esperienza e la competenza specifica dell'autore per spiegare i fatti, a volte interpretando e traendo conclusioni al servizio dei lettori. Può includere previsioni di possibili evoluzioni di eventi sulla base dell'esperienza.Scopri di piùtlc

Tim continua a correre dopo conti e accelerazione progetto rete unica

I numeri del secondo trimestre sono risultati migliori del consensus. Per gli analisti si avvicina anche integrazione con Open Fiber, dopo la decisione della società di prendere tempo per firmare l'accordo con KKr

di Eleonora Micheli

default onloading pic
(Mimmo Frassineti / AGF)

I numeri del secondo trimestre sono risultati migliori del consensus. Per gli analisti si avvicina anche integrazione con Open Fiber, dopo la decisione della società di prendere tempo per firmare l'accordo con KKr


3' di lettura

Non si arresta la corsa di Telecom Italia in Borsa, all’indomani della diffusione della semestrale e dell’annuncio che la stretta dell’accordo con il fondo KKr per la rete secondaria è stata rinviata di quasi un mese: dopo il rialzo di oltre il 6% di ieri, le azioni superano la soglia a 0,38 euro, correndo di oltre il 4%. Sono ben impostate anche le rnc.
La società ha pubblicato ieri in tarda serata i conti del secondo trimestre risultati migliori delle attese, anche per merito di alcuni dati chiave come l'andamento degli abbonamenti alla fibra e l’azzeramento della perdita di linee fisse consumer. Gli analisti hanno apprezzato che la società è riuscita a far calare il debito, che si è ridotto di 1.697 milioni di euro rispetto a fine 2019, attestandosi a 25.971 milioni di euro (ovvero 21.095 milioni di euro su base after lease). Il dato ha battuto le attese. Più nel dettaglio i ricavi domestici sono diminuiti del 10,7%, un po’ meno delle attese del mercato. E’ andato meglio il business legato alla telefonia fissa (-8,5%), rispetto al mobile (-9,9%). Tuttavia l’arpu del mobile è risultato superiore alle attese, diminuendo dell’1,7% e non di oltre il 4% come avevano messo in conto gli analisti. L’ebitda è peggiorato del 7,5%, ma il mercato aveva previsto un calo attorno al 9%. Nel primo trimestre la diminuzione era stata dell’11,6%. Del resto la società ha rivisto i costi e anche gli investimenti.
Gli analisti hanno apprezzato anche le prospettive dipinte dall'azienda di tlc per tutto il 2020, tenendo conto delle misure adottate per fronteggiare l’emergenza sanitaria. I ricavi domestici dovrebbero calare «mid-to-high single-digit», ossia tra il 5 e il 10%. Il consensus mette in conto un deterioramento attorno al 7,7%. L’ebitda domestico dovrebbe peggiorare « mid-to-high single-digit». L’attuale consunses è di un -7.6%. Infine il debito dovrebbe portarsi sotto i 18 miliardi nel 2021, anche se per il consensus raggiungerà quota 18,1 miliardi. Nel periodo 2021-2022 la società dovrebbe registrare ricavi stabili e una crescita tra lo zero e il 5% dell’ebitda.

Sempre ieri il cda ha analizzato la proposta del fondo Kkr sulla rete secondaria, valutandola positivamente. Il board ha accolto con molto interesse anche la proposta del Governo di avviare discussioni per la costituzione della rete unica in tempi strettissimi. Al termine della riunione del cda è emerso che l’operazione FiberCop sarà riesaminata il 31 agosto per assumere una decisione definitiva alla luce anche degli aggiornamenti che emergeranno dalle discussioni per la rete unica. Il fondo Usa ha accettato di prolungare la durata dell`offerta vincolante.
«Il progetto rete unica ha una brusca accelerazione e finalmente tempi più certi», hanno commentato gli analisti di Equita, sottolineando che tuttavia per adesso non sono note le condizioni e la struttura dell`operazione. «Nelle nostre simulazioni emergeva una possibile creazione di valore tra 9 e 14 cents per azione rispetto al nostro target stand-alone se condotta in modo da non appesantire il bilancio di Tim, ossia deconsolidamento almeno temporaneamente e con valutazioni ragionevoli di Open Fiber», hanno commentato ancora, specificando di stimare un valore di Open Fiber attorno a 5 miliardi stand-alone e di mettere in conto ulteriori 2 miliardi di valore rivenienti dalle sinergie prodotte da un'integrazione con la rete Telecom. Equita ha ribadito la raccomandazione di acquisto ('Buy') sulle Telecom, calcolando un target di prezzo a 0,47 euro per azione.

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti