ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùTlc

Tim paga lo stop alla rete: maglia nera di settimana a Piazza Affari

Con un calo del 7,1% il titolo è il peggiore del Ftse Mib

di Redazione Finanza

Tim, Sbarra: "No a smembramento dell'azienda"

2' di lettura

In una settimana per lo più incolore per Piazza Affari, dove a tenere banco sono le attese sulle banche centrali e indicazioni macro-economiche ancora contrastati, i riflettori sono rimasti puntati quasi sempre su Telecom Italia: con una performance di -7,1%, il titolo è stato il peggiore della settimana dopo la mancata offerta di Cdp sulla rete e i dubbi del governo Meloni sul destino della compagnia, tra ipotesi di opa totalitarie smentite e opa parziali ancora tutte da verificare.

La settimana di passione di Tim

Per il gruppo Tlc, che mercoledì ha visto scadere senza esiti i termini per ricevere un’offerta sulla rete da parte di Cdp e Open Fiber, è stata una settimana di passione. Unica giornata in controtendenza quella di giovedì, chiusa con un rimbalzo (+3,7%) in parte cancellato ieri con un nuovo passo indietro dell’1,2%.

Loading...

Anche gli analisti danno sfogo alla fantasia. Secondo Intermonte in assenza del deal sulla rete con Cdp Tim potrebbe procedere con il suo piano di separazione e monetizzare la quota di minoranza in NetCo ed EnterpriseCo, rilanciando il business domestico, riducendo CapEx non discrezionale e recuperando flessibilità finanziaria senza necessità un aumento di capitale.

Le ipotesi su una ricapitalizzazione di Open Fiber

Speculazioni anche su una ricapitalizzazione di Open Fiber in attesa di una fusione in un secondo momento con NetCo preceduta da «un’offerta da una compagine guidata da KKR (49%) e con Cdp in minoranza (20%), realizzando nella sostanza il deal del MoU ma superando le difficoltà di finanziamento e antitrust (non quella però relativa alla distanza valutativa )», commenta Equita.

«Per noi è un quando...non se», concludeva Bank of America secondo cui c’è solo un’opzione ovvia; fondere NetCo e OF: «Soddisfa la leva di Tim, salvaguarda Open Fiber, crea sinergia e una copertura accelerata attraverso la costruzione congiunta, fornisce proprietà governativa indiretta».


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti