ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùTlc

Tim in rialzo all'indomani di un cda fiume senza decisioni

Il board non ha varato delibere, limitandosi a prendere atto delle dimissioni di De Meo. Ha però analizzato i dossier caldi. Da inizio anno le azioni perdono quasi il 60%

di Eleonora Micheli

2' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) Telecom Italia in rialzo all’indomani del consiglio di amministrazione della società, che però si è concluso con un nulla di fatto.
Nonostante la lunga durata della riunione del board, i vertici di Tim non hanno adottato delibere, ma hanno soltanto preso atto delle dimissioni del consigliere Luca de Meo, che ha valutato ormai incompatibile l’impegno nella compagnia telefonica con il suo ruolo di ceo di Renault Group. I nomi che circolano per la sua sostituzione sono essenzialmente due: quello di Massimo Sarmi, presidente di Fibercop e quello di Barbara Cominelli, oggi ceo di Jll (e membro dell’advisory board di Iliad Italia), ma con passato in Microsoft Italia e prima ancora in Vodafone Italia.

Al di là della governance, i vertici della compagnia di tlc hanno analizzato dossier caldi, dalla separazione fra rete fissa e servizi, all’integrazione tra la rete Telecom e quella di Open Fiber, con Cdp che giocherebbe un ruolo da pivot, fino alla cessione di EnterpriseCo. Secondo indiscrezioni riportate dalla stampa, nel corso del cda il numero uno, Pietro Labriola, avrebbe confermato il trend positivo di luglio/agosto, che aveva portato alla revisione della guidance. Sempre da indiscrezioni, inoltre, è possibile che nelle prossime settimane Cassa Depositi e Prestiti presenterà un’offerta non vincolante per la rete Telecom, con un valore che si attesterà nel range 15-18 miliardi. Gli analisti di Equita, comunque, continuano a raccomandare cautela (‘Hold’) su Tim, pur stimando un prezzo obiettivo dei titoli ben più elevato delle quotazioni di Borsa e pari a 0,39 euro. Del resto le azioni hanno vissuto una vera e proprio debacle nel corso del 2022, lasciando sul parterre, da inizio anno, oltre il 58% del proprio valore.

Loading...
Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti