ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùTlc

Tim in rialzo, nomina Butti sottosegretario riaccende scommesse su Opa

Il mercato scommette su una possibile opa sulla compagnia di telecomunicazioni da parte di Cdp, visto che nei mesi scorsi lo stesso Butti aveva ipotizzato tale progetto

di Eleonora Micheli

(REUTERS)

2' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Telecom Italia ingrana la marcia a Piazza Affari, dopo che ieri il Governo Meloni ha nominato Alessio Butti sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega all'Innovazione tecnologica. Il mercato scommette su una possibile opa sulla compagnia da parte di Cdp, visto che nei mesi scorsi lo stesso Butti aveva ipotizzato tale progetto. Ieri 31 ottobre, Butti, già coordinatore di Fratelli d'Italia per le strategie sulle telecomunicazioni, è stato nominato sottosegretario dell'Innovazione tecnologica alla Presidenza del Consiglio, subentrando di fatto a Vittorio Colao.

Butti è l'ideatore del Progetto Minerva

Di recente, il senatore era stato l'ideatore del cosiddetto Progetto Minerva, che ipotizza un'offerta pubblica di acquisto di Cassa Depositi e Prestiti sulla società di tlc e contestuale cessione degli asset retail per scongiurare un blocco da parte dell'Antitrust. Da ricordare che di recente Butti aveva dichiarato: «Open Fiber non ha più la credibilità né la capacità di essere il perno dell’operazione sulla rete unica». Butti aveva anche detto di essere contrario a una separazione della rete. «Deve semmai essere Tim ad aggregare sotto di sé la rete di Open Fiber, ma deve essere controllata da Cdp. Con una rete in capo a Cdp e controllata da Tim, l’azienda tornerebbe ad essere un asset industriale italiano».

Loading...

Attesa per esito trattativa su rete Tim

Il mercato ritiene che a questo punto, qualora nelle prossime quattro settimane non si dovesse raggiungere un accordo per l’acquisizione della rete Tim da parte di Cdp in squadra con Macquarie e Kkr, come previsto dal Memorandum of Understanding siglato nei giorni scorsi, potrebbe avverarsi il progetto ideato dallo stesso Butti, con il lancio dell'opa su Tim. Opa che non sarebbe nemmeno così gravosa per Cdp, considerando che ormai, date le basse quotazioni delle azioni, Tim vale circa 3 miliardi di euro in Borsa (guardando alle sole azioni ordinarie). L'esito finale sarebbe lo stesso del progetto che prevede il ruolo da pivot di Open Fiber, ossia che Cdp controllerebbe la rete sia di Telecom, sia quella di Open Fiber. Sarà tuttavia da vedere la posizione dell'Antitrust europeo, che molto probabilmente imporrà la cessione di asset retail. Ma a quel punto, ipotizza il mercato, potrebbe entrare in campo Iliad, che ha allo studio operazioni di espansione.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti