ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùTelecomunicazioni

Tim sale in testa al Ftse Mib, tornano voci di Opa

Indiscrezioni di stampa rilanciano l’ipotesi di un'offerta congiunta sul gruppo di tlc da parte di Cdp, Vivendi, Kkr e Macquarie

di Chiara Di Cristofaro

(REUTERS)

2' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Tornano le voci di un'Opa congiunta su Telecom Italia e il titolo scatta a Piazza Affari in testa alFTSE MIB. Indiscrezioni di stampa rilanciano l’ipotesi di un'offerta congiunta su Tim da parte di Cdp, Vivendi, Kkr e Macquarie. Un'opzione che sarebbe ora preferita a quella di un'offerta per la sola NetCo, considerando il significativo divario sulle valutazioni. L'operazione consentirebbe una riorganizzazione delle attività di Tim fuori dalla Borsa, mantenendo comunque l'obiettivo di costituire sotto Cdp un operatore di rete unico "wholesale only". La novità rispetto alle ipotesi circolate in passato, sottolineano da Equita, è il coinvolgimento di Vivendi. I punti critici principali sarebbero legati al prezzo dell'offerta, a fronte di una manifestazione di interesse a 0,505 euro per azione (11 miliardi di euro) da parte di Kkr respinta un anno fa dal cda di Tim e il rifinanziamento del debito lordo.

Una novità sarebbe il coinvolgimento di Vivendi

«Un’eventuale Opa congiunta da parte di Cdp affiancata da Kkr,Macquarie e Vivendi finalizzata al delisting e vincolata al successivo scorporo e dismissione degli asset retail ci sembra un’opzione molto credibile e finanziariamente meno impegnativa per Cdp rispetto all’acquisizione di NetCo, soprattutto considerando le quotazioni del titolo ancora piuttosto depresse», commentano gli analisti di Intermonte. Resta da verificare la disponibilità di Vivendi a partecipare al progetto, reinvestendo la sua partecipazione in Tim nel veicolo utilizzato per lanciare l’Opa o a consegnare le azioni concorrendo al successo del delisting. «Non escludiamo nemmeno che la stessa Vivendi possa puntare per avere un ruolo chiave nel break-up e nell’acquisizione degli asset retail di Tim», aggiunge Intermonte. Secondo Il Sole 24 Ore, poi, il beauty contest per la cessione del 49% di EnterpriseCo potrebbe essere avviato dal cda del 9 novembre sui risultati del terzo trimestre. Inoltre, ieri il comitato nomine avrebbe valutato due profili per la sostituzione dell’ex consigliere De Meo: Stefano Proverbio (McKinsey) e Massimo Sarmi (Chairman di FiberCop).

Loading...
Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti