ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùTlc

Tim in vetta al Ftse Mib, per analisti acquisto azioni Labriola è segnale fiducia

Si tratta del secondo acquisto da quando è diventato Ceo: il 22 agosto aveva comprato sul mercato un pacchetto di un milione di titoli

di Stefania Arcudi

(REUTERS)

2' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Seduta brillante per Telecom Italia, che fin dalle prime battute a Piazza Affari si è piazzata in cima al FTSE MIB. Il titolo, che era arrivato a guadagnare oltre due punti, si è poi assestato su guadagni leggermente inferiori, dopo che l'amministratore delegato Pietro Labriola ha acquistato ulteriori 500.000 azioni della società, a un prezzo medio di 0,2082 euro ognuna, per un totale di circa 104.000 euro, l'equivalente dello 0,002% del capitale sociale considerato il totale delle azioni della società.

Per gli analisti di Banca Akros, che confermano la valutazione «accumulate», un'indicazione di acquisto, «si tratta di un segno di fiducia da parte dei vertici aziendali e questo può avere implicazioni positive per l'andamento del titolo». Per Labriola, si tratta del secondo acquisto da quando è diventato Ceo (era stato nominato a fine gennaio scorso): il 22 agosto aveva comprato sul mercato un pacchetto di un milione di azioni Telecom Italia a un prezzo unitario di 0,2084 euro.

Loading...

Nel frattempo, come segnalano gli analisti, «l'attenzione rimane concentrata sull'attesa offerta di offerta di Cdp su NetCo di Tim, mentre esiste un ampio divario tra il prezzo richiesto da Vivendi (superiore a 30 miliardi di euro) e le valutazioni di mercato dell'asset (intorno ai 20 miliardi di euro)». Secondo quanto riportato dai giornali, l'offerta potrebbe essere presentata tra un paio di settimane, nonostante l'attuale incertezza politica. «In ogni caso, notiamo che, dal punto di vista finanziario, un'Opa su Tim a 40 centesimi di euro comporterebbe una valutazione implicita della NetCo decisamente inferiore a 20 miliardi di euro, molto più vicina al fair value dell'asset prima delle sinergie di integrazione con Open Fiber», spiega Banca Akros.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti