Formazione

Tirocini Erasmus per 25mila giovani italiani, l’Italia ha speso il 99% dei fondi Ue

I dati dell’Agenzia Inapp sulla formazione in azienda all’estero: tra il 2014 e il 2019 partiti anche 2.500 docenti. Dal 14 ottobre eventi per raccontare le “best practice” del programma

di Alessia Tripodi


Gli Its, gli istituti post diploma con il record di occupati

2' di lettura

Un tirocinio in azienda all’estero? Si può fare anche con Erasmus. E dal 2014 a oggi sono 25mila i giovani italiani che hanno approfittato di questa possibilità, insieme a 2.500 docenti coinvolti nell’apprendimento e nell’insegnamento oltre confine. Esperienze che aumentano le chanche occupazionali: il 30,9% dei tirocinanti ha avuto l’opportunità di lavorare al’estero alla fine dello stage . Lo dicono i dati presentati dall’Agenzia Erasmus+ Inapp, che nel nostro paese gestisce le attività di mobilità per l’istruzione e formazione professionale, ovvero l’ Erasmus Vet - Vocational education and training. Un ambito nel quale l’Italia « è tra i paesi più virtuosi nell’utilizzo dei fondi Ue» , dice il direttore generale Inapp Paola Nicastro.

GUARDA IL VIDEO: Gli Its, gli istituti post diploma con il record di occupati

Il nostro Paese ha speso infatti il 99,94% dei finanziamenti destinati a questo settore, pari a 54 milioni di euro solo nel 2019. Oltre a confermarsi una delle mete più gettonate per la mobilità internazionale Erasmus, la quarta più popolare dopo Regno Unito, Spagma e Germania.

Oltre 30mila presenze Erasmus
Dal 2014 - anno in cui è partito il programma Erasmus Vet - a oggi sono 31mila le persone coinvolte in tirocini in aziende all’estero, ovvero 25mila studenti e neolaureati, 2.500 docenti e circa 3.600 formatori e tutor. Sempre dal 2014, dice Inapp, sono stati 3.510 i progetti presentati, 2.211 di Mobilità individuale ai fini di apprendimento e 1.299 di Partenariato Strategico.

I fondi
Con i 54 milioni di euro a disposizione per il 2019, la dotazione finanziaria per Erasmus Vet è cresciuta del 20% rispetto all’anno precedente. I fondi hanno sostenuto un totale di 168 progetti: 128 quelli di mobilità, 40 di Partenariati Strategici. Aumentano i partecipanti con disabilità (+ 27,6% rispetto al 2018) e i soggetti con minori opportunità economico-sociali (+260% sul 2018). Nel Sud e nelle Isole, spiega ancora Inapp, i progetti di mobilità sono aumentati del 53,8% rispetto al 2018. Il Nord Italia, pur registrando un incremento inferiore rispetto ad altre aree territoriali per iniziative approvate, vanta nel 2019 il più alto numero di progetti finanziati (69 contro i 53 del Centro e i 46 di Sud e Isole).

PER SAPERNE DI PIÙ. LEGGI SCUOLA24

Aspettative soddisfatte
Un’analisi condotta da Inapp su un campione di 2,795 studenti e 696 docenti e formatori sugli effetti della partecipazione alla mobilità svela che il 98,4% «non ha dubbi nel consigliare ad altri la partecipazione», mentre il 77% dei giovani ritiene di aver ottenuto da questa esperienza «notevoli benefici sia personali che professionali». Le aspettative maturate prima della partenza risultano «ampiamente soddisfatte» nel 91,6% dei casi e il 99,6% ha portato a termine il tirocinio. Per diffondere queste “best practice”, dal 14 al 18 ottobre l’Agenzia Inapp organizza una serie di eventi : testimonianze dirette di alcuni studenti coinvolti in iniziative finanziate dal Programma, performance professionali e artistiche, racconti di esperienze e i talenti.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...