ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùmoda

Tod’s, fatturato in calo del 4,7%: analisti delusi tagliano le stime

La società ha chiuso i primi sei mesi con una perdita di 6 milioni e un fatturato in calo del 4,7%. Il direttore finanziario ha indicato che i numeri della seconda parte dell'anno saranno simili. Gli esperti ritengono che le azioni siano 'care' in Borsa

di Eleonora Micheli


default onloading pic

2' di lettura

Tod's sbanda a Piazza Affari all’indomani dei conti del primo semestre annunciati a mercati chiusi. I titoli, che hanno aperto in ribasso dell’8%, hanno poi arginato le perdite .
Gli analisti, tuttavia, hanno espresso giudizi critici, dal momento che i numeri hanno deluso le attese. La società che controlla i marchi Tod’s, Fay, Hogan e Roger Vivier ha chiuso i primi sei mesi del 2019 con una perdita netta di 6 milioni di euro a fronte di un utile pari a 33,6 milioni nello stesso periodo del 2018. I ricavi consolidati si sono attestati a 454,6 milioni, in calo del 4,7%, mentre l'ebitda è salito a 80,4 milioni, pari al 17,7% dei ricavi. «I numeri di questo semestre sono il risultato transitorio di una politica di investimenti superiori al previsto», ha spiegato il presidente e ad, Diego della Valle, aggiungendo che «se ora sacrificheremo qualche punto di Ebitda è per privilegiare, nel medio periodo, la profittabilità e la patrimonializzazione del gruppo e dei suoi singoli marchi». Il direttore finanziario, Emilio Macellari, ha indicato che «la seconda parte dell’anno può essere simile alla prima parte e la performance in termine di ebitda margin per l’intero bilancio 2019 può essere simile ai risultati che abbiamo visto oggi». Nel corso della conference call è stato inoltre precisato che la famiglia Della Valle, pur essendosi rafforzata nel capitale, «non ha mai considerato la possibilità di rendere la società privata». Macellari ha anche commentato che «la famiglia non è coinvolta nei movimenti del titolo delle ultime settimane», quando le azioni, sfidando i cali del mercato, sono salite vivacemente. Lo scorso dicembre i Della Valle hanno sottoscritto con Credit Agricole un contratto per acquisto a termine di un massimo di 1,7 milioni di azioni, pari a circa il 5% del capitale, che dovrebbero essere consegnate entro il prossimo ottobre.
«Abbiamo tagliato pesantemente le stime per il 2019», hanno commentato gli analisti di Equita che consigliano di vendere le azioni, per le quali hanno stimato un target di prezzo a 24,3 euro, quasi la metà degli attuali corsi di Borsa. Target che per altro ingloba la possibilità che la società sia oggetto di operazioni straordinarie, sebbene ieri sia stato escluso il riacquisto da parte della famiglia. «Anche se l`opzione di fusioni e acquisizioni non ci sembra dietro l`angolo, non possiamo neanche escluderla», hanno commentato gli esperti della sim. In particolare per Equita il fatturato si ridurrà a fine anno a 907 milioni dai 940 dell’anno scorso. L’utile, però, dovrebbe salire a 164 milioni (118 milioni l’anno scorso), beneficiando di poste straordinarie. Tale stima è stata tuttavia rivista al ribasso di oltre il 7%. Anche Credit Suisse consiglia di vendere le azioni di Tod’s, indicando un target di prezzo a 25 euro. In un report dal titolo ‘Un altro grande warning’ la banca svizzera ha tagliato le stime per i risultati futuri, sottolineando che gli investimenti fatti negli ultimi mesi a sostegno delle vendite hanno avuto un impatto solo marginale. Dunque le azioni Tod's a questo punto sono sopravalutate: ad esempio il rapporto ev-ebitda previsto al 2020 è pari a 22 volte contro le 12 volte del comparto del lusso.

(IL Sole 24 Ore Radiocor)

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...