Milano, giorno 3

Tod’s ed Emporio superano le tendenze

di Angelo Flaccavento


default onloading pic
(Ansa)

3' di lettura

L’arrivo di un nuovo direttore creativo crea un senso di grande aspettativa, che il marchio sia piccolo o grande poco importa. La storia recente della moda - Gucci, Bottega Veneta - ha fatto assurgere illustri sconosciuti - al momento della nomina, sia chiaro - al ruolo di autentici Re Mida.

La terza giornata di sfilate milanesi si apre con il debutto di Walter Chiapponi - quarantenne, di gran mestiere, con un pedigree di tutto rispetto che va da Armani a Prada a Bottega Veneta - al timone di Tod’s e di T Factory, il laboratorio creativo voluto da Diego Della Valle per creare pensiero e azione intorno al marchio. È un debutto intelligente, per nulla urlato e ben assestato. Non una disruption, per usare l’odioso neologismo, ma una evoluzione che puntando su idee di buon gusto e classicismo afferma una identità precisa, italiana nel tono e nell’esecuzione, ma per nulla angusta. «Ho voluto portare un po’ di sensualità nel mondo Tod’s, che in passato trovavo piuttosto freddo» spiega Chiapponi, che, mai plateale, ottiene l’effetto con sottigliezza: scoprendo un po’ di pelle con le gonne corte; dando ai cappotti una mano goduriosa. Crea un guardaroba di pezzi indispensabili, e invita a giocarci. Non fa moda con la M maiuscola, e la scelta di un sottotono raffinato ma non rinuciatario lo premia. Il messaggio è chiaro: lontano dalle tendenze.

Tod’s, buongusto italiano e sensualità  in passerella per l’AI 2020/21

Tod’s, buongusto italiano e sensualità in passerella per l’AI 2020/21

Photogallery24 foto

Visualizza

È della stessa idea Giorgio Armani che, a conclusione dello show Emporio Armani afferma a gran voce: «Le tendenze non esistono più, ciascuno può fare quel che preferisce e le donne stesse possono vestirsi come vogliono». Se lo dice un creatore rigoroso e preciso come Armani, c’è da crederci. La frammentazione è l’essenza del contemporaneo, dopo tutto, e la collezione, a proposito, è frammentata: dal corto al lungo, dalle rouche iperfemminili agli jabot da dandy, c’è molto, ma con un disegno preciso che si polarizza sugli estremi del maschile e femminile - eterno dualismo Armaniano. Il tailoring liquido è quello per cui si ama Armani, ma a sorprendere sono gli abitini spumeggianti di volant, gli shorts orlati di pizzo: capi inattesi, e quindi benvenuti, nel mondo di Armani, che superati gli ottanta non smette di evolversi.

Emporio Armani tra romanticismo e tagli maschili

Emporio Armani tra romanticismo e tagli maschili

Photogallery42 foto

Visualizza

Da Marni la frammentazione è evidente e dilagante: attacca le superfici, le plasma in un dilagare di collage e di patchwork che avvolge ogni cosa. La collezione è un’ode al do it yourself, dall’inizio alla fine. Poche forme - cappotto, abito corto o lungo, cardigan - modellate a manichino unendo scampoli di ogni sorta, dalle pelli metallizzate ai broccati sontuosi. La perizia dell’esecuzione è encomiabile, e così il lavoro sugli oggetti, sempre schiacciati, distorti, manipolati. Eppure, in passerella la vitalità gioiosa di solito associata al patchwork è come smorzata. Forse è la scelta di colori bassi e neutri; forse sono il trucco e i capelli - colate di glitter come dopo una notte di festeggiamenti selvaggi. Francesco Risso esce correndo alla fine dello show vestito come il bianconiglio di Alice, come a dire che la fuga dalla realtà è intenzionale.

Da Sportmax c’è la luce: è un futuro luminoso, invocato in un mix di capispalla dal disegno architettonico e abiti liquidi, di tuxedo scintillanti e drappeggi metallici; evocato dai dettagli di specchio. L’equilibrio convince, anche se rigido.

Veronica Etro è solare e positiva per natura, ma questa stagione sfila in una scatola nera che soffoca non poco: chiude gli orizzonti, che è l’esatto contrario di un marchio che invece parla solo di confini aperti, di metissage panculturale. Quello per fortuna c’è in passerella, ed è leggero e seducente come da copione.

Marco de Vincenzo ingrandisce e sproporziona, con verve ed eleganza, confermandosi una delle voci più interessanti della sua generazione. Anche Nicoletta Spagnoli, da Luisa Spagnoli, ha un piglio sicuro: modernizza l’estetica del marchio rispettando l’essenza e l’eleganza. Da Versace, in fine, Donatella Versace, in uno show co-ed dalla regia inesorabile e avvolgente, estremizza la femminilità proterva e la mascolinità dionisiaca della maison, ricapitolandone i segni in un miscuglio di tailoring, sport e glamour che è enciclopedico e impattante.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...