Export e cooperazione allo sviluppo

Togo, successo per l’export di ananas in Italia

di Laura Serafini

2' di lettura

Gli ananas verdi del Togo, qualità Pan di Zucchero, interamente biologici ed equo-solidali, entrano con decisione sul mercato italiano. Da dicembre è stata avviata un’importazione di 2 tonnellate la settimana e il ritmo andrà avanti almeno per altri due mesi. Il prodotto denominato “Dolcetto”, commercializzato da Brio spa (Agrintesa) con il marchio Alce Nero nella grande distribuzione soprattutto nel nord Italia, attraverso Coop Italia, Bennet, Finiper (La grande I), sta avendo un certo apprezzamento da parte del consumatore italiano, seppure il progetto sia ancora in una fase di test, visto che dopo le prime fasi di importazione i supermercati hanno confermato gli ordini successivi. La storia, che ha tutte le premesse per trasformarsi in un'esperienza di successo in un mercato come quello nazionale in cui l'interesse per il bio (meglio se solidale) è elevato, viene presentata in occasione della conferenza nazionale sulla cooperazione allo sviluppo, organizzata in questi giorni presso l'Auditorium di Roma.

I 1.300 giovani agricoltori e le donne del Togo
Il progetto parte di un’iniziativa sostenuta da Coopermondo, la Ong creata da Confocooperative e Federcasse, che ha sostenuto la nascita di cooperativa in Togo tra 1.300 giovani agricoltori, tra i quali un terzo donne. In questo modo gli agricoltori, che coltivano in modo biologico questi ananas in piccoli appezzamenti, sono riusciti ad organizzarsi e a creare quella massa critica per poter spuntare prezzi di mercato e per poter puntare a una esportazione strutturata. Così sono stati sottratti ai mercati locali, che altrimenti comprerebbero quei prodotti a prezzi stracciati. Per attivare la commercializzazione in Italia, Coopermondo ha coinvolto Agrintesa e Brio spa, le due aziende cooperative legate alla distribuzione di prodotti agricoli biologici. Un primo progetto pilota era stato avviato nell'aprile scorso (ne ha dato conto il sito del Sole 24 Ore lo scorso 20 aprile) con una prima importazione di di 1547 ananas.

Loading...

«Questi ananas hanno un elevata qualità, sono meno acidi di quelli tradizionali, interamente biologici e hanno un caratteristico colore verde - spiega Tom Fusano, direttore commerciale di Brio -. L’iniziativa costituisce una buona occasione per aiutare la popolazione di un paese in difficoltà. I segnali di risposta del mercato italiano sono positivi, perché i supermercati continuano a comprare il prodotto. Finita la fase di test, se il sell-out si rivelerà elevato, il prodotto potrà essere importato in modo stabile e allargato a tutta la grande distribuzione in tutte le aree del paese».

Il sostegno del credito cooperativo
Federcasse e un gruppo di 6 banche cooperative (Bcc del Garda, Banca Cras Sovicille, Banca del Veneziano, Bcc di Roma, Cr di Treviglio, Emilbanca) hanno fornito un finanziamento da 2 milioni di euro a due istituti locali di microfinanza che a loro volta sostengono lo sviluppo di cooperative agricole nel paese. Coopermondo è presente in Togo da 3 anni, ha accompagnato la costituzione di 146 cooperative, attraverso la formazione e l’assistenza tecnica. Ma la coop degli degli ananas è la prima a riuscire a esportare prodotti in Italia.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti