il dibattito su età pensionamento

Tokyo, al lavoro fino a 85 anni (se in salute)

di Vittorio Da Rold

(Agf Creative)

2' di lettura

Lavorare fino a 85 anni se si è in salute e mettere in soffitta gradualmente l’idea stessa di un’età stabilità in cui andare in pensione. Questa è l’idea a cui il governo giapponese sta pensando mentre invita (senza obbligarle) le aziende a tenere al lavoro i dipendenti più anziani. Secondo l’Ocse il 23% dei giapponesi over 65 anni ha un’occupazione, il livello più elevato nel G-7 , seguito dagli Usa al 19%, Canada 13%, Gran Bretagna 10,7%, Germania 6,6%, mentre l’Italia con il 4% si colloca al quinto posto.

Oggi molte grandi aziende giapponesi attuano un percorso di pensionamento rigoroso a due stadi per i loro dipendenti, ricorda il Wall Street Journal: a 60 anni devono abbandonare i loro posti ben remunerati; successivamente possono continuare a lavorare a stipendio più basso come dipendenti a contratto per altri cinque o dieci anni. Dopo di che, sono mandati in pensione definitivamente. Molte aziende però si stanno accorgendo dell'errore di questa politica di breve respiro che elimina un patrimonio di conoscenze costruite nel tempo.

Loading...

Le aziende in genere mandano a casa quanto prima i dipendenti con salario più elevato ma questa può essere una strategia perdente. Prendiamo business di vendita nei quali le persone che vanno in pensione si portano via clienti (e relazioni) che hanno impiegato decenni per costruire. Inoltre chi meglio di un dipendente anziano si potrà rivolgere a clienti coetanei? Il Giappone è un paese con una elevata età media e quindi la fetta di consumatori over 65 anni è molto consistente e spesso facoltosa. Dal Sol Levante giunge il motto: lavorare tutti, lavorare più a lungo.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti